mercoledì 11 luglio 2012

Se la tv ti fa schifo…

La maggior parte delle volte penso che quello della soprastante foto sia l’unico vero buon utilizzo della televisione al giorno d’oggi. Certamente le tv a schermo piatto rendono impossibile persino questo utilizzo, costringendoci quasi a doverle portare in discarica vista la pochezza dei contenuti dei programmi televisivi. L’avvento del digitale terrestre ha sicuramente portato una ventata di novità grazie a reti come Real Time, Iris, Rai Movie, et cetera che, se non altro, hanno il merito di portare sullo schermo programmi nuovi e film interessanti. La tv ‘istituzionale’, e intendendo per ‘istituzionale’ le storiche reti Rai (Uno, Due e Tre) e Mediaset (Rete 4, Canale 5 ed Italia 1), languono dietro la loro noia e la suddetta scarsità intellettuale. Per questo motivo tendo a boicottare la televisione: non è una scelta è semplicemente una conseguenza all’appiattimento culturale dei programmi tv che non sono in grado di stimolare la mia voglia di prendere il telecomando. Se poi mi vengono presentati come programmi giornalistici Pomeriggio Cinque, Quarto grado o L’arena, tanto vale ricorrere all’eutanasia cerebrale.
Per mia estrema gioia ho poi scoperto un programma di Vero Giornalismo, non quello che ha l’unico scopo quello di fare scoop o audience, ma quello di mettere in luce realtà diverse, sconosciute o circondate da un alone di pregiudizio. Questo programma, siori e siore, altro non è che Il Testimone, un programma dell’ex vj nonché ex iena Pif su Mtv.
Il testimone
Questo è l’unico bel programma che la tv di oggi ci offre: intelligente, leggero ma serio, divertente quando serve e soprattutto appassionante. Il format è semplice, Pif gira per l’Italia e per il mondo cercando di scoprire storie nuove o di spiegare meglio storie note e lo fa semplicemente con l’ausilio di una piccola telecamera a mano e di un microfono che lui stesso dirige verso l’oggetto dell’inchiesta creando un vero senso di compartecipazione alla storia. Gli interrogativi che Pif pone a se stesso e agli intervistati non sono mai banali: nella loro disarmante semplicità tracciano il profilo di persone, fatti, storie senza applicare un giudizio o, quel che peggio, un pregiudizio. Lo scopo è quello di conoscere, non di condannare od esaltare (obiettivo che molti blasonati giornalisti hanno dimenticato da un po’). Certe storie sono toccanti, altre fanno pensare, alcune danno speranza, altre sono puramente di intrattenimento. Personalmente ritengo Pif una persona estremamente intelligente e se avete l’occasione di seguire alcune delle puntate capirete perché: al di là del profilo basso e a volte svampito che cerca di mantenere, i tagli delle interviste denotano un’estrema sensibilità umana e professionale, condita da una singolare acutezza.
Pif
La serie, iniziata nel 2007, è arrivata alla quarta edizione e non smette di affascinarmi per la varietà di temi mai scontati e tuttavia sempre interessanti nella loro stessa scontatezza. Tra le puntate che ho preferito ci sono sicuramente quelle indirizzate alla scoperta di culture diverse, come Tokyo Love, Little Italy, Voglio fa’ l’americano, Dreaming Mumbai. Ci sono poi le puntate che fanno riflettere, come quelle che raccontano lo stereotipo dello zingaro visto da dentro (Zingari), o la vita di persone con handicap o diversità, come i ciechi (Vedere al buio) o gli acondroplasici (Nano o non nano); oppure la storia dei bambini delle favelas brasiliane che sognano una vita diversa grazie al calcio (Futebol de Rua). Ci sono gli episodi che ti raccontano un’Italia diversa (Neomelodici, Il palio di Siena, La penisola dei famosi, Romagna Nostra). La quarta stagione aveva un tema particolare, i vip nostrani: fra i tanti intervistati chi mi ha colpito di più è stata Bianca Balti in Una vita al top, che nella banalità della sua vita quotidiana ha riportato al livello dei ‘comuni mortali’ anche le top model di Dolce&Gabbana e compagnia bella.
Se vi siete persi questa chicca televisiva, fate sempre in tempo a vedere le repliche che ogni sera vanno in onda su Mtv alle 20.20 oppure potete vederle tutte assieme su Mtv On Demand.
Pif, sono contenta che tu non sia andato a lavorare alle assicurazioni da tua zia!!
Avete mai visto Il Testimone? Cosa ne pensate? Cosa salvereste della tv nostrana?

14 commenti:

  1. Io ho bandito la tv da casa mia -cioè, c'è ma è quasi sempre spenta.
    Voglio dire, se uno ha un pc ed una connessione buona (e certi programmi... ahem XD), a conti fatti della tv non se ne fa nulla.

    Il testimone non lo conoscevo, anche perché da quando su mtv passano più serie che musica per me ha perso di significato, ma se lo trovo gli do un'occhiata.

    (Certo, i programmi trashissimi di Real Time ormai sono un'istituzione XD "non sapevo di essere incinta" vince)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non sapevo di essere incinta" mi ha letteralmente scioccato... solo in America posso succedere certe cose, ah ah!
      Come dicevo, la tv per me è un optional, ma quando c'è Il testimone resto incollata allo schermo: tutti dovrebbero vederlo, vecchi e bambini compresi, per imparare a guardare le cose con occhi diversi!

      Elimina
    2. scrivo qua perchè non mi compare il riquadro per i commenti! prima di tutto adoro la foto della tv con l'acquario *.* decisamente, è l'unica cosa per cui l'userei anch'io se avessi dei pesci :) magari ci posso piantare delle erbette aromatiche :D

      da quattro anni ormai non guardo la tv, a parte i titoli del tg perchè i miei genitori ci tengono ma fosse per me.. uso solo internet, zero pubblicità / e se qualche pubblicità merita me la guardo e riguardo su youtube ;)/ e film/telefilm in lingua originale: non posso chiedere di meglio!

      purtroppo dove vivo non si prende mtv ^^ ma mi sono guardata lo spezzone di cui hai messo il link, anche se sapevo già che le modelle spesso fanno vita più ritirata delle persone ''normali'': vivono in città costose con gente semisconosciuta e continuano a cambiare posto.. bisogna proprio volerlo fare!!

      Elimina
    3. Già, internet ha portato una vera rivoluzione anche per la fruizione televisiva. Io spesso guardo mtv on demand perché è così comoda!

      Elimina
  2. Sisi visto e mi piace. Io è da quando è nata Caterina che non accendo più la tele ... non ho più tempo e devo dire che non mi manca

    RispondiElimina
  3. Si lo visto è carino come programma e Pif mi piace, io non guardo la tele da quando è nata Caterina e devo dire che non mi manca

    RispondiElimina
  4. Io non l'ho mai visto ma me l'appunto! Concordo sul fatto che la tv ormai faccia pena. La mia è sempre spenta e adesso che col digitale non vedo più neppure mediaset addio proprio!
    L'unico strappo che mi concedo è per il cartone animato de "Il Piccolo Principe", lo adoro! L'hai mai visto? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cartone non l'ho mai visto, ma ovviamente la storia la conosco bene!
      Io la tv la guardo appunto solo per questo e per Super Quark, appuntamento immancabile dall'infanzia!

      Elimina
  5. Qualche volta ho visto questo programma ed è
    veramente carinissimo :) Reb, xoxo.
    PS: Nuovo post sul mio blog,
    fammi sapere cosa ne pensi ;) eccoti il link:
    http://www.toprebel.com/2012/07/la-mia-nuova-camicia-in-sangallo-di.html

    RispondiElimina
  6. Il Testimone piace tantissimo anche a me, è uno dei pochi motivi per cui rimpiango la dipartita del decoder digitale terrestre. L'unica "critica" che posso fare è che Pif mi pare meno pungente quando ha a che fare con persone famose.

    Contrariamente alla maggior parte di coloro che non hanno la TV in casa per scelta, però, riconosco di sentirmi impoverita da questo. È vero che la quantità di ciarpame è immensa, ma basta cambiare canale. Siamo lontani dalla perfezione (censurare Lars von Trier a notte fonda è imperdonabile!), ma è innegabile che col digitale terrestre si sono fatti passi avanti: trovare un film intelligente, un documentario o un programma di approfondimento non banali in prima serata è quasi routine. E senza dover pagare parabole e ulteriori abbonamenti.
    Peccato che molte persone si ostinano a non voler contare oltre il sei e a subirsi reality show e bambini canterini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il problema è che sembra che per qualcuno i tasti del telecomando finiscano al 6!!

      Elimina
  7. In TV c'è davvero poco di bello o interessante. Io ormai guardo solo i TG della Rai, SuperQuark (ho una vera passione per questo programma, lo vedo sin da quando ero piccola). Si salva real Time e poco altro

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!