domenica 11 novembre 2012

Le belve

le_belve_2

Sabato sera, pioggia scrosciante, stanchezza accumulata in sette giorni: cosa fare se non dedicarmi ad uno dei miei svaghi preferiti, ovvero il cinema? Credo che quest’anno avrò meno occasione di andarci, un po’ perché avrò meno tempo libero, un po’ perché il costo dei biglietti è diventato davvero spropositato: spendere € 8,30 è davvero scoraggiante; ‘solo’ €5 con una fidelity card sono comunque tanti. Mi chiedo come fanno le famiglie con due o più bambini a permettersi questo lusso, perché oramai di lusso si tratta. Mah…

Digressioni socio-economiche a parte, dallo stranamente variegato cartellone dell’Uci Cinemas in cui mi reco abitualmente ho scelto Le belve (2012) opera ultima di Oliver Stone. Cast stellare che vanta tra i molti uno straordinario Benicio Del Toro, John Travolta, Salma Hayek e Blake Lively.
Racconta la storia di un pacifico e felice triangolo amoroso tra Chon (Taylor Kitsch), Ben (Aaron Johnson, volto del conte Vronsky nell’Anna Karenina di Joe Wright in uscita prossimamente; per altri dettagli andate QUI) e O, diminutivo di Ophelia (Lively). I tre giovani vivono in una lussuosa villa sul mare a Laguna Beach grazie ai proventi del loro traffico di marijuana, la migliore venduta al mondo. La grande qualità del loro prodotto richiama l’attenzione del cartello della droga di Tijuana, capeggiato dalla perfida madrina Elena (Hayek) che manda i suoi scagnozzi, fra cui Lado (Del Toro) ad occuparsi dell’assorbimento dell’azienda di Chon e Ben all’interno della sua rete di traffico. L’operazione si rivela infruttuosa e per fare in modo che i ragazzi cedano, Elena fa rapire O. Il grande amore di Ben e Chon per la bella Ophelia li spinge ad atti folli per ritrovarla, sfidando la celebre crudeltà dei narcos messicani.

00_le_belve_640-480_resize

La storia è interessante e coinvolgente; la regia è davvero raffinata ed il gusto per la fotografia è quello che mi ha colpito di più: le inquadrature panoramiche sull’oceano californiano o sul deserto messicano lasciano senza fiato. Per il resto devo dire che non mi ha entusiasmato: lo definirei un film gradevole ma senza picchi particolarmente artistici. Ho trovato poco interessanti le lunghissime sequenze dedicate a celebrare la bellezza di Blake Lively più che a contestualizzare il suo personaggio; irritante la voce fuori campo di Ophelia come narratrice; insulsa, anzi, proprio terribile, la scelta del doppio finale (per inciso, ovviamente preferivo il primo dei due, in accordo con il mio animo tragico). La parte migliore del film è l’interpretazione di Benicio Del Toro, come sempre perfetto, anche nella sua efferata crudeltà (a tal proposito vi avverto che ci sono alcune scene davvero molto, molto cruente).

benicio-del-toro-as-lado-in-savages-2012

Non è certo un brutto film, ma non mi ha tuttavia entusiasmato: c’è chi lo ha paragonato a Traffic (di Steven Soderbergh, 2000): ecco, non esageriamo, non c’è proprio paragone. Il traffico di droga e le sue conseguenze nella vita delle persone che ne fanno uso o che ne sono toccati trasversalmente è decisamente meglio pensato e riuscito nel film di Soderbergh che in questo di Stone: l’atmosfera patinata dell’”Upper West Side” toglie un po’ di realismo alla vicenda e rende tutto molto più romanzato che realistico.

Mi ha colpito moltissimo la resa di Chon, reduce della guerra in Medio Oriente, e di tutti i suoi ex commilitoni del Navy Seal: come mi era già capitato di pensare guardando Nella Valle di Elah (di Paul Haggis, 2007) o The Hurt Locker (di Kathryn Bigelow, 2009) l’esperienza dei soldati in guerra dev’essere qualcosa di talmente totalizzante e violento che cambia le persone e le segna per sempre.

Avete visto questo film? Cosa ne pensate?

35 commenti:

  1. Carissima,
    concordo con te sul fatto che il cinema sia diventato un lusso....
    piano, piano l'aumento del biglietto è lievitato come una torta....ma sai qual'è la cosa peggiore? Che spesso i film sono anche deludenti e di bassa qualità e si esce dalle sale insoddisfatti.
    Non vado più al cinema da questa estate, aspetto qualche film che mi piaccia veramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene, almeno spendi oculatamente i tuoi soldi!

      Elimina
  2. L'ho visto, come dici tu non è brutto, ma scontato, visto e rivisto. Io l'ho parogonato a uno dei primi della serie, Blow. Baci.

    Ubique Chic, H2O Fashion added

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è decisamente neanche all'altezza di Blow!

      Elimina
  3. Non l'ho visto -non sapevo che fosse già uscito- e grazie a te mi è venuta una gran voglia di rimediare.
    Però hai ragione, il cinema ora è un lusso :( io qualche volta la domenica sono andata di mattina per risparmiare qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi tempo ci andrei di pomeriggio!

      Elimina
  4. non andrò a vederlo perchè la blake mi sta sonoramente antipatica!

    in compenso concordo sul cinema come lusso, è tremendo, ormai risparmi a comprarti il dvd! non capisco perchè dobbiamo ripagare tutti i soldi persi per colpa di chi scarica i film da internet!

    ps. 007 mi è piaciuto tantissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se la Blake ti sta antipatica decisamente non puoi vedere questo film Blake-celebrativo!

      Elimina
  5. hai ragione! il prezzo del biglietto è proprio uno sproposito...ed è per quello che al cinema ci vado una volta l'anno...
    cmq questo film mi ispira... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il cinema è quasi un bene di lusso ormai!

      Elimina
  6. mmm benicio del toro <3 <3 comunque non l' ho visto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero cattivissimo in questo film!!

      Elimina
  7. Io spero di riuscire a trovare il tempo
    nei prossimi giorni per andare a vedere
    questo film ;D Reb, xoxo.
    *Nuovo post sul mio blog,
    fammi sapere cosa ne pensi:
    http://www.toprebel.com/2012/11/perla-nera.html

    RispondiElimina
  8. voglio assolutamente andarlo a vedere!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. non vedo l'ora di vederlo! p.s. bella la nuova grafica! complimenti!
    PESCARA LOVES FASHION blog!

    RispondiElimina
  10. Anche io voglio andare a vederelo.

    http://thestyleattitude.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. :))) Bello questo servizio.

    Baci,

    Nico

    www.nicoleta.me

    RispondiElimina
  12. Il film non lo conoscevo e concordo con ciò che hai scritto: andare al cinema è diventato un lusso; soprattutto per le famiglie. A me piace più dvd e copertina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, dvd e copertina hanno il loro fascino, ma ci sono film che il grande schermo lo meritano tutto!

      Elimina
  13. i really want to watch this movie! Blake Lively is forever so smokin' sexy and would love to watch her role in this drug related story!
    would you like to follow each other?
    A
    xx
    http://epiquemoi.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I think her role is too much central in the story!

      Elimina
  14. Concordo: il cinema ormai è quasi un lusso. Dieci euro per un biglietto sono una follia per chi ci va due volte a settimana, sono circa 100 euro al mese se ci aggiungiamo patatine e pop corn. Non si può!
    Io vorrei vedere "Venuto al mondo", l'hai visto? Ti è piaciuto? io ho letto il libro e sono emozionatissima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho ancora visto, ma lo vedrò senz'altro. Devo ancora leggere il libro per cui vorrei aspettare!

      Elimina
  15. Concordo. Qui da me il biglietto costa 7€, certo non è tantissimo. Ma comunque non si può andare tutte le settimane. Sono curiosa di vedere questo film nonostante non abbia letto delle super opinioni a riguardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sette euro non sono comunque pochi. Vale la pena di vederlo anche se mi aspettavo di più!

      Elimina
  16. Ciao, mi è piaciuto tantissimo leggere la tua recensione.
    Io di Le belve mi sono innamorata, è un film che mi è piaciuto tantissimo e che ho recensito (mi permetto di lasciarti il link, spero non ti dia fastidio http://drunkenswallowedstar.blogspot.it/2012/11/recensione-le-belve.html) ma credo sia una questione personale. Non penso che in questo film i personaggi di O, Ben e Chon sia più di tanto importanti -forse Ben e Chon un pò di più, i loro caratteri che durante il film si rivoltano- quanto il rapporto che esiste fra di loro. Che poi è il centro del film. Concordo su tutto il resto.
    Non lo paragonerei con Traffic manco sotto tortura. Tanto poi mi darebbero fuoco ugualmente.

    Ti leggo volentieri, abbiamo in comune oltre al cinema altre passioni. A presto ciao :D

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!