lunedì 18 febbraio 2013

Flight-Zero Dark Thirty-Noi siamo infinito

Nonostante il periodo degli esami sia stato molto pesante almeno sono riuscita a concedermi uno dei miei peggiori vizi, quello di andare il cinema! Ho visto tre film nelle ultime settimane e ho deciso di parlarne in un unico post per comodità (mia, ovviamente!). Partiamo con il primo in ordine cronologico, Flight.

flight

 

L’ultima fatica di Robert Zemeckis, padre della celeberrima saga di Ritorno al futuro, ha come protagonista Denzel Washington che interpreta il ruolo di Whip Whitaker, vizioso pilota d’aerei alcolizzato e tossicodipendente che nonostante ciò, o forse proprio grazie a questo, riesce a far atterrare il jet in avaria che pilota con un mirabolante volo al rovescio salvando 96 dei 102 passeggeri. Ovviamente viene subito festeggiato e celebrato come eroe nazionale almeno fino a quando si scopre che mentre era alla guida dell’aereo era completamente ubriaco e fatto e si inizia quindi a sospettare che oltre ad essere il salvatore del disastro ne sia stato anche la causa. Whip, da vero alcolizzato, non ammette di avere un problema ma continua a cercare nell’alcool la sua salvezza che in un certo modo arriverà davvero.

Mi è capitato casualmente di vedere questo film, non lo avevo programmato, l’ho scelto dal cartellone del cinema per esclusione; non mi ispirava molto perché pensavo si trattasse del solito disaster movie di quelli prevedibili e banali ed invece sono rimasta piacevolmente sorpresa: la caduta dell’aereo è solo il pretesto per un’interessante analisi psicologica di un antieroe che avrebbe potuto fare molto nella vita ma che preferisce ‘buttarsi via’ tra tossicodipendenze, sesso ed alcolismo. Non c’è spazio per l’amore nella sua vita se non quello per i superalcolici, a tal punto che neanche il figlio lo vuole più vedere e che persino la sua nuova donna, tossica oltre ogni limite, conosciuta proprio durante la degenza in ospedale in cui era ricoverata in seguito ad un’overdose (una splendida Kelly Reilly), inorridisce per la folle dipendenza di Whip e scappa. L’ho trovato un bel film, con un ottimo cast (mitico anche John Goodman nei panni dello spacciatore di fiducia di Whip), regia intensa, ottime musiche; avrebbe potuto essere un nuovo cult movie, di quelli pulp come pochi sanno fare, ed invece mi è caduto sul finale in cui la morale americana ha fatto precipitare l’ascesa di un eroe negativo in un rivoltante ed inaccettabile buonismo che proprio mi sarei risparmiata se fossi stata in Zemeckis: un finale che persino Esopo si sarebbe rifiutato di scrivere! Nonostante questa cocente delusione in chiusura lo promuovo perché la narrazione e la vicenda mi hanno affascinato e persino divertito come solo certi bei film sanno fare!

Zero-Dark-Thirty

Zero dark thirty, espressione che nel gergo militare indica la mezzanotte e mezza, l’ora in cui iniziò il blitz che uccise Osama Bin Laden, è l’ultima pellicola della regista Kathryn Bigelow, premio oscar nel 2010 per The hurt locker (film ambientato durante la guerra in Iraq e che vede come protagonisti una squadra di artificieri drogati di guerra). Anche il nuovo film è ambientato in guerra, ma la trama centrale è la caccia e la cattura con uccisione dello sceicco saudita nel maggio del 2011 in Pakistan. Nella prima parte del film viene introdotta la figura di Maya, la vera anima della missione, un segugio in grado di fiutare le tracce più inconsistenti dello sceicco e di metterlo nel sacco nonostante la sua giovane età e la sua ancora breve carriera nelle file dei servizi segreti americani. Maya è interpretata da un’intensa Jessica Chastain, perfettamente calata nella parte (anche se quei capelli invidiabilmente sempre perfetti non erano proprio credibili in una base della C.I.A. nel deserto afghano!) e che ti penetra con il suo sguardo glaciale e la pelle diafana. Maya viene a contatto con le violente tecniche di tortur, fra cui il waterboarding, a adottate dalla C.I.A. per estorcere informazioni dai prigionieri sauditi ma non si spaventa, anzi, impara presto il mestiere diventando una degli agenti più temuti. Nella seconda parte del film inizia la caccia all’uomo, fatta di pedinamenti, intercettazioni e che culmina con la chirurgica incursione aerea dei Navy Seal… il resto è storia!

Una pellicola a tratti brutale, che parte lentamente e va in crescendo: un crescendo di eventi, emozioni ed azioni. Mi sono trovata ad ammirare l’azione di questi agenti speciali, di questi corpi speciali che con la loro straordinaria efficienza portano a termine missioni da film ma che sono vere. Devo dire che ho amato di più The hurt locker, forse perché l’introspezione del personaggio era più approfondita, ma resta il fatto che si tratta di un film da vedere, anche per farsi un’idea, sebbene filtrata dai modi cinematografici, di cos’è la guerra, quella vera.

noi siamo infinito

L’ultimo film visto è stato Noi siamo infinito, diretto da Stephen Chbosky, autore anche del romanzo da cui è stato tratto, Ragazzo da parete. Riflessione preliminare: ogni volta che vedo un film di questo tipo penso quanto deve essere terribile essere un adolescente americano: roba che il bullismo nostrano sembra un gioco tra bambole! Detto ciò, torniamo al film: per chi si aspetta il tipico film americano adolescenziale tutto sesso, festini e bullismo si dovrà ricredere, o meglio, sì, c’è sesso, ma è sesso con amore, in varie e spesso disperate e morbose forme; ci sono festini, ma sono festini in cui i personaggi si scoprono, svelano la loro indole più nascosta; c’è bullismo, ma spesso è solo una maschera per nascondere un disagio interiore a cui non si può dare sfogo. Charlie ha appena iniziato il liceo dopo un’estate drammatica in cui ha avuto rapporti solo con i suoi familiari ed un amico immaginario a cui scrive per svagarsi. L’impatto con la nuova scuola è come spesso terribile se non fosse per Patrick e Sam, studenti dell’ultimo anno di buon cuore che lo accolgono sotto la loro ala fraterna e lo conducono attraverso i perfidi labirinti dell’high school. Charlie è un giovane problematico, e nonostante le cose con i suoi nuovi, cari amici scorrano a gonfie vele, i fantasmi del passato scuotono la sua indole sensibile e lo portano alla disperazione.

Mi è piaciuto moltissimo l’originale approccio ad un tema visto e rivisto nel cinema da teenager americano in cui i problemi non sono solo vestirsi alla moda ma anche e soprattutto scontrarsi con una realtà senza pietà. Pluriosannata Emma Watson nella parte di Sam che sì, mi è piaciuta, ma niente di che, diciamocelo! Massimo rispetto invece per Ezra Miller che, nei panni di Patrick, regala momenti veramente esilaranti ed altri intrinsecamente toccanti. Bravo anche Logan Lerman, il protagonista Charlie, che fa dimenticare la triste parentesi di Percy Jackson e mi fa auspicare una carriera meno da blockbuster!

Avete visto questi film? Cosa ne pensate?

31 commenti:

  1. Ultimamente non sono più riuscita ad andare al cinema, volevo vedere Noi siamo infinito però non ho capito se è o meno un film triste. In questo periodo ho bisogno di film a lieto fine :)

    RispondiElimina
  2. Flight così così, parte forte e poi si spegne.
    Zero dark thirty splendido, una lezione di storia e cinema.
    Noi siamo infinito emozionante e profondo, è riuscito a farmi tornare indietro ai tempi lontani del liceo.
    Ottime scelte, comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Mr Ford, ma soprattutto grazie cinema che ogni tanto ci regali vere perle in mezzo ai porci!

      Elimina
  3. adorati tutti e tre!
    si sta rivelando una ottima annata.
    cosa che mi mette un po' in crisi, visto che io mi diverto a massacrare i film, ma quest'anno è dura farlo... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, non dubito che arriverà qualche bella porcata da massacrare!

      Elimina
  4. adoro Danzel come attore! io è secoli che non vado al cinema...trovo che i biglietti siano un furto :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente per andare al cinema tra poco dovremo venderci gli organi!

      Elimina
  5. Domani sera spero di riuscire ad andare al cinema (: Reb, xoxo.

    *Nuovo post sul mio blog, fammi sapere cosa ne pensi:
    http://www.toprebel.com/2013/02/velvet-goldmine-new-shop.html

    RispondiElimina
  6. Non ho visto Flight ma ho visto Noi siamo infinito.
    Sono assolutamente d'accordo con te è davvero un dipinto delicato di un tema trattato spesso con superficialità e mostra come ci sia molto di positivo anche nel far parte del gruppo dei "non popolari"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole una grande sensibilità per capirlo bene, secondo me!

      Elimina
  7. Lui come attore mi piace molto, è sempre credibile nei suoi personaggi.
    Questo film lo guarderei, anche perché apprezzo quando si fa un'analisi introspettiva e psicologica dei personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denzel Washington intendi? E' senz'altro un bravo attore ma non sempre sa entusiasmarmi ad essere sincera!

      Elimina
  8. Flight non mi ispirava per niente ma dopo aver letto la tua recensione mi ha incuriosito! Aspetto impazientemente di vedere Noi siamo infinito :)

    Un bacio e buona serata!
    The Spotted Cherry Pie

    RispondiElimina
  9. mi ispira molto Noi siamo infinito, ma penso che lo guarderò a casa

    RispondiElimina
  10. Ahimè non gli ho visti :( devo rimediare.


    Francesca
    The Glossy Mag

    RispondiElimina
  11. sono seriamente tentata da flight per il ciccione biondo che è uno dei miei attori preferiti (ma non ricordo il nome... ah sì philip seymour hoffmann)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in Flight non c'è Philip Seymour Hoffman, c'è John Goodman :-)

      Elimina
  12. Ecco, io volevo vedere Noi siamo infinito (che non è ancora uscito nel mio cinema, argh!), e ora non mi interessa più tanto :( E ovviamente Flight non è proprio arrivato mentre Zero dark thirty (che mi ispirava un casino) è finito ormai... Mi sento sfigata, e ora non c'è più niente di bello da vedere... >.<
    Comunque è difficile che una recensione m'ispiri, invece le tue sono belle, brava!
    P.S: Hai presente The Help? Mi è sembrato in effetti che il personaggio della Chastain fosse quello fatto meglio, e il più complicato, nonostante i cliché. Grazie per tutti i commenti ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene! Anch'io vivo in una zona il cui cinema ha una programmazione piuttosto discutibile: quando un film interessante resta in cartellone per più di una settimana mi stupisco!
      Sì, ho adorato la Chastain in The help, mi ha intenerita!

      Elimina
  13. ciao cara,
    adoro andare al cinema e ci vado due volte all'anno per pura pigrizia .
    prima di Natale ero andata in un centro commerciale per fare la spesa, ma c'era il mondo e mi sono spaventata , ecosì tanto per non sprecare il pomeriggio che comunque era già compromesso, sono andata al terzo piano ed ho scoperto le sale cinematografiche ....detto fatto mi sono infilata mel primo che iniziava "la famiglia perfetta " e mi sono molto divertita .

    a proposito di righe ..non piacciono neanche a me , ma ho questa gonna nell'armadio e udinese o juve me ne frego e la metto ! se non ora quando?

    ave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Ave, così si fa!
      Per me il cinema è un vero rifugio rilassante e quando posso mi ci fiondo!

      Elimina
  14. purtroppo sono ben 4 anni che non riesco a concedermi il cinema (con due pupette piccole è impossibile) ma ne avrei bisogno...mi tocca accontentarmi dello streaming ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, saltando di blog in blog ho scoperto il tuo: mi piace tantissimo, complimenti!
      Per quanto riguarda il cinema cado male: ultimo film visto "Le avventure di Fiocco di Neve", con i miei figli, e mi è andata bene perchè se vinceva il grande ci toccava il "Principe abusivo".
      Un abbaccio
      Cristina

      Elimina
    2. Dony, immagino che la vita con due bimbe sia dura, per quanto felice, ma quando cresceranno un po' potrai concederti di nuovo qualche bella libertà!

      Cristina, neanche a me il film di Siani ispira molto, eh eh!

      Elimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!