mercoledì 24 aprile 2013

Il maestro e Margherita

bulgakov il maestro e margherita

Immaginate Satana ed il suo seguito che arrivano a Mosca: mentre il diavolo Woland si riposa e si prepara al tradizionale ballo del plenilunio con tutti gli ospiti (cadaveri di peccatori tornati in vita), i suoi (ovvero l’astuto ‘maggiordomo’ Korovev ed il gatto-giullare Behemot) gettano lo scompiglio in città, ingannando il popolo-bue con denaro falso e irretendolo con vane promesse di realizzazione dei suoi superficiali desideri; nel frattempo Azazello, il sicario del demonio, si occupa di trovare la signora del ballo che per consuetudine deve rispondere ad alcuni requisiti, fra i quali, chiamarsi Margherita. La scelta ricade su una giovane donna sposata con un uomo ricco che la adora e le dà tutto quello che vuole, eppure lei è infelice perché il suo amore è tutto per un altro, per il Maestro, uno scrittore rinchiuso in un ospedale psichiatrico per esaurimento nervoso a seguito dello stroncamento da parte del regime sovietico del lavoro della sua vita, un romanzo su Ponzio Pilato. La ricompensa per Margherita sarà proprio ricongiungersi con il suo unico amore, ma questo avverrà solo al momento giusto. E poi tutti i personaggi al contorno, come gli intellettuali del Massolit, al cui presidente Berlioz viene mozzata la testa in un incidente subito dopo il profetico incontro con Woland e tutti i componenti dell’amministrazione del teatro di varietà che dopo aver ospitato il diavolo per uno spettacolo di magia nera subiscono catastrofi abbominevoli in punizione dei loro peccati. Immaginate anche solo questo e sarete ancora lontani dalle vicende di questo splendido romanzo.

Michail Bulgakov iniziò la stesura de Il maestro e Margherita nel 1928 ma l’opera vide il compimento solo nel 1940, a pochi mesi dalla morte dello scrittore russo di origine ucraina: tredici anni per creare un capolavoro che venne pubblicato integralmente solo tra il 1966 ed il 1967. Per me è facile capire se un romanzo è qualcosa di speciale: se dopo averlo letto, anche a distanza di molto tempo, anche se la trama è un ricordo confuso, se la sensazione che provo a ricordarlo è quella di un tuffo al cuore, so che si tratta di qualcosa di unico, da annoverare tra le opere che ritengo indispensabili alla vita. Perché un libro può essere indispensabile alla vita: le emozioni scaturite dalla lettura di un buon libro, anzi, di un libro eccezionale, possono essere davvero determinanti per la formazioni caratteriale di una persona; i libri non sono solamente cumuli di pagine e di vicende fittizie, sono esperienze, tanto quanto un viaggio.

Il maestro e Margherita può essere inserito in quel filone a me tanto caro del Realismo magico (ricordate Cent’anni di solitudine?) in cui realtà e magia si mescolano creando un quadro palesemente fittizio ma altrettanto concreto: anche se le vicende raccontate sono visibilmente assurde, hanno dei connotati così realistici che si è propensi a credere siano possibilissimi.
Gli avvenimenti dei protagonisti moscoviti si intrecciano al racconto della storia dell’incontro tra Ponzio Pilato e Jeshua Hanozri, il nostro Gesù: le vicende della Passione vengono umanizzate, perdendo i connotati biblici del vangelo e dandoci una diversa interpretazione dei fatti ed in particolare dell’egemone romano passato alla storia. Il suo tormento interiore è il tormento del maestro, ma anche del poeta Bezdomnyj, membro del Massolit, che impazzisce (o forse no) all’incontro con Satana.

Il romanzo non è altro che l’ennesimo scontro tra il bene ed il male, in cui il male, però, non è rappresentato dal diavolo, ma dal vizio che corrompe la società e dagli anelli deboli che la compongono, gli uomini, capaci solo di ingannare per il proprio interesse. Alle tematiche di caduta, tradimento, amore, tutti argomenti già cari al Faust di Goethe, ispirazione per Bulgakov, si aggiungono gli elementi della commedia macabra, magistralmente interpretata da Kororvev e Behemot, non semplici macchiette ma veri e propri personaggi, in grado di tracciare una beffarda satira della popolazione russa, intenta solo ad occuparsi della propria vanità.
Nonostante i personaggi principali possano sembrare Margherita ed il maestro, la vera protagonista della storia è Mosca, con  la sua meschinità e la sua ipocrisia: il regime sovietico viene duramente criticato, anche se questo avviene solo in termini ironici che però, il più delle volte, sono i termini più feroci, come in questo caso. Il maestro, disperato per i problemi causatigli dal suo romanzo tenterà di bruciarlo così come aveva fatto Bulgakov nel 1930 a causa della censura stalinista ma, come dice Woland al loro incontro, «I manoscritti non bruciano» e grazie al cielo è così altrimenti avremo perso uno dei capolavori della letteratura di ogni tempo.

Avete letto Il maestro e Margherita? Cosa ne pensate?

32 commenti:

  1. Non l'ho letto questo libro, ma sono rimasta decisamente colpita dalla collana, che ricordo benissimo: ai tempi dell'università quella collana e quella dei 100 pagine 1000 lire erano la mia vita *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho un sacco di libri come questo, eh eh!

      Elimina
  2. Questo è da anni il mio libro da Isola Deserta: un capolavoro assoluto, che rileggo periodicamente perchè arriva il momento in cui desidero nuovamente stare un po' in sua compagnia (e mi accade anche con 100 anni di solitudine, guarda un po'). Pensa che io volevo chiamare il mio gatto Behemoth ed è stata solo l'opposizione di mio marito a impedirmelo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che ho pensato che se avessi un gatto lo chiamerei proprio Behemot: il personaggio è proprio un vero e proprio gatto antropomorfizzato! Non dovevi ascoltare tuo marito, eh eh!

      Elimina
  3. Un libro fantastico! Dopo la prima parte, che mi è sempre risultata un pochino noiosa (lo so, sto bestemmiando) il libro mi ha preso tantissimo, é stato ed é qualcosa di speciale per me... uno di "quelli" da cui non mi separerei mai. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che lo apprezzi nella sua interezza!

      Elimina
  4. forse il libro più "folle" e sorprendente che abbia mai letto! L'ho letto da adolescente al liceo e poi da più che ventenne e l'effetto è stato sempre quello di un gran divertimento, di un'avventura surreale e ipnotica! Con questo post mi hai fatto venire voglia di leggerlo per la terza volta (da quasi trentenne, ahimè!) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordarmi la prima volta che lo lessi giacché anche io sono quasi trentenne! 'Surreale' è la parola che forse meglio lo definisce!

      Elimina
  5. Lo devo leggere! Deve essere di un certo spessore! Bel post!
    Che ne pensi del mio? http://www.fashionsmile.it/fashion-blogger/fashion-trend-2013/
    Baci Marika

    RispondiElimina
  6. Letto ma non mi ha entusiasmato tantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Effettivamente è un po' particolare...

      Elimina
  7. Paradossale questo libro. Lo lessi 2-3 anni fa.

    RispondiElimina
  8. Ho letto questo libro solo recentemente e ne sono contenta. L'ho amato fino all'ultima pagina. Probabilmente in gioventù lo avrei bollato come un libro assurdo e confusario.
    Fra l'altro, l'edizione che hai tu è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sul fatto che l'effetto che ha un libro su di noi dipende molto dal momento in cui lo leggiamo!

      Elimina
  9. Non l'ho mai letto, ma mi hai convinto a farlo!!! poi ti farò sapere come l'ho trovato ;))

    Miss Piggy

    RispondiElimina
  10. L'ho letto grazie al mio professore di letteratura del liceo, e riletto successivamente, e mi hai fatto venire in mente che è ora di rileggerlo un po' :) Nel caso non si fosse capito lo adoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi prof del liceo sono provvidenziali!

      Elimina
  11. Ne ho un bel po' di libri di questa collana, ereditati dalla mamma. Solo vedere la copertina mi fa sorridere. devo controllare, ma mi sembra di averlo. Al momento sono intrappolata in un ciclo di guerra sul Pacifico (adoro le cronache di guerra), ma nel frattempo continuo a comprare libri su libri. Un giorno mi darò all'eremitaggio e me li leggerò tutti invece di accumularli e basta :p
    Sempre ottime review, comunque. Bravissima <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di guerra sto proprio leggendo "Addio alle armi", eh eh!
      Grazie, Beatrice!

      Elimina
  12. ciao ,

    l'ho letto tanto tanto tempo fa e come faccio con i "grandi libri " che ho letto in gioventù lo rileggerò perchè lo stesso libro letto indue momenti diversi della vita ,ti regala emozioni diverse .
    Bella l' edizione , credo sia uguale alla mia ...oggi lo vado a pescare nella mia libreria .

    ave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio d'accordo: un libro ha effetti diversi a secondo del periodo in cui lo si legge!

      Elimina
  13. thats the favourite book of my mum. need to read it!!!

    RispondiElimina
  14. Anche lui, insieme a Cent'anni di solitudine, è uno dei miei preferiti e spero di rileggerlo al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo proprio gli stessi gusti letterari allora!

      Elimina
  15. AMO ALLA FOLLIA QUESTO LIBRO

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!