lunedì 24 gennaio 2011

Vallanzasca - Gli angeli del male


Ieri sera sono stata al cinema a vedere il molto discusso film di Michele Placido. Prima di passare a qualsiasi opinione in merito, premetto che voglio lasciare fuori tutte le polemiche relative al fatto se sia stato giusto o sbagliato girare questo film in rispetto alle vittime. Sono qui semplicemente per scrivere le mie opinioni su un film come farei su qualsiasi altro.

Detto questo voglio assolutamente condividere con voi il mio stupore nel vedere un'interpretazione di Kim Rossi Stuart di Renato Vallanzasca in grado di superare del tutto quella del Freddo in Romanzo criminale. Ricordo che quando vidi il film del 2005 rimasi stupita di quanto la performance di questo attore avesse determinato una riuscita superba del film nel complesso, anche grazie all'aiuto di attori che hanno rivestito ruoli con esiti di non minor spessore (uno fra tutti il Libano di Pierfrancesco Savino). Tuttavia qui la storia è ben diversa; certo, le interpretazioni di Filippo Timi, Francesco Scianna e tutti gli altri impeccabili attori di questa pellicola non sono da meno rispetto a quelli di Romanzo criminale, eppure è evidente come l'intera struttura del film sia retta dal personaggio di Stuart, che, pur essendo romano, interpreta con una mimesi sorprendente il delinquente milanese, dalla violenza, all'ironia, dal lato oscuro più pronunciato, alla  "pietas criminale".
Il racconto delle vicende è rapido e conciso, ma al contempo non lascia spazio a dubbi o ad incertezze: quello che scorre sullo schermo è ben chiaro allo spettatore. A mio parere il regista non esprime alcun giudizio morale sul "Bel René" ma, anzi, induce gli spettatori a crearsi una propria opinione sulla base degli eventi che mette in scena, certo non edulcorati dalla necessaria violenza del tutto complementare al personaggio, senza nessuna apologia al reato e a chi lo commette. E' una rappresentazione dei fatti nuda e cruda, certo, svolta dal punto di vista del "cattivo", ma non per questo all'insegna del sentimentalismo.

Nel complesso questo film mi è piaciuto moltissimo e riconfermo la mia speranza in una risalita del cinema italiano che, con pellicole come queste, può sperare in anni meno bui.

4 commenti:

  1. Sabato andrò a vederlo con il mio ragazzo e sinceramente avevo paura che questo film potesse deludermi ma mi hai rincuorato un po' con questo post :)

    RispondiElimina
  2. Io mi aspettavo una replica di Romanzo Criminale e invece sono rimasta piacevolmente sorpresa!
    Fammi sapere che ne pensi!!

    RispondiElimina
  3. Visto e....Ommioddio Kim Rossi Stuart ha superato di gran lunga un'interpretazione già sublime come quella del Freddo. Sono piacevollissimamente scioccata.
    Il film mi è piaciuto moltissimo, ma sono un po' d'accordo con le critica per quanto riguarda l'atmosfera un po' troppo simpatizzante verso Vallanzasca, ma se si guarda con la testa, be' allora è proprio un bel film. :)

    RispondiElimina
  4. Esatto, questi film bisogna vederli sempre con un po' di testa per capire il messaggio!!
    Grande Kim!!

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!