martedì 11 ottobre 2011

DRIVE... e bravo Ryan Gosling!


Domenica sera ho visto Drive. Ammetto che è stata un'impresa davvero ardua poiché ero attanagliata da un'emicrania micidiale che ha potenzialmente distorto il mio giudizio sul film, già di per sé ottimo, ma che senz'altro sarebbe stato più entusiastico senza la sensazione di martello pneumatico in testa!

Detto questo, posso assicurarvi che si tratta di una pellicola davvero molto interessante. Non nascondo che io amo molto Ryan Gosling, lo trovo un attore eccezionale, già dai tempi di The believer, dove ha eseguito una performance sublime. L'ho amato meno in The notebook, ma forse perché ho trovato quel film piuttosto scialbo. E poi è decisamente uno dei pochi uomini biondi a piacermi... ha dei lineamenti davvero molto affascinanti.
In questo film ha trovato certo pane per i suoi denti: è riuscito a delineare un personaggio che aveva pochissime battute (e che non aveva neanche un nome!) solo grazie alle sue espressioni, al suo modo di muoversi. E ne è uscito un personaggio a tutto tondo, perfetto. Riesce a parlare con lo sguardo e non è cosa da poco. Mi ricorda molto Clint Eastwood, e anche questa non è decisamente cosa da poco!!
La storia è abbastanza articolata senza però rendere le cose troppo caotiche; un intreccio di vicende che portano tutte ad un finale segnato, forse già intuibile dalle prime scene.
Sicuramente quello che mi ha colpito di più in questo film, oltre alla recitazione di Ryan Gosling, è stata la regia. Impeccabile. Non ho altre parole per definire i lunghi piani sequenza (per cui io ho un certo debole, lo ammetto!), il modo di indugiare sui particolari, il gusto per il dettaglio. Non per niente Nicolas Winding Refn si è meritato il premio come Miglior Regia al Festival di Cannes. Non proprio noccioline.
Ultimo appunto: le musiche. Squisitamente anni ottanta, come piace a me.
Promosso a pienissimi voti!

2 commenti:

  1. ma lo sai che anche io vorrei andare a vederlo?
    a prescindere dalla trama, mi sono innamorata della locandina..chissà come mai! ;)

    RispondiElimina
  2. Vai, merita... in tutti i sensi!

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!