martedì 17 gennaio 2012

Perché alle volte la moquette serve

Io non tollero la moquette, la considero un ricettacolo di sporco. Non amo neanche i tappeti e qualsiasi rivestimento tessile. Mi immagino sempre un rave di acari sbronzi che festeggiano l'occupazione delle fibre. Così è, in effetti, nonostante le cure impiegate per igienizzare ogni superficie anche dalla più appassionata massaia. Eppure alle volte sono consapevole che la moquette ha un suo perché. Il suo perché sta nell'attutire le cadute. Nel particolare risulta provvidenziale quando inaspettatamente dalla tua presa, che a te pare salda e invece non lo è, ti scivolano di mano tazze di ceramica, bicchieri di cristallo o boccette di vetro. Mi succede di rado, ma quando mi succede faccio le cose in grande: una volta ho fatto fuori tutti i piatti fondi di un servizio mentre li riponevo, impilati l'uno sull'altro, nel loro sicuro rifugio dopo un trattamento di bellezza in lavastoviglie. Non ci sono mai arrivati.


Anche questa volta l'ho fatta bella: mentre mi struccavo con dovizia e mi accingevo a ristorare la mia pelle stressata dallo struccaggio, in un batter d'occhio mi è volata a terra la boccetta con il mio prezioso ed adorato Organic daily face oil di Inlight, ancora mezza piena. Inutile descrivervi il mio tentativo contorsionistico per evitare l'inevitabile (reso ancora più inutile dalla mia assenza di mobilità, da una colonna vertebrale in acciaio e dalle mani unte dal suddetto olio): la boccetta si è frantumata al suolo, regalando al pavimento del mio bagno un intensivo trattamento di bellezza e un profumo celestiale.
Non ho avuto molto tempo per testare questo prodotto, proprio a causa della sua drammatica e prematura fine, ma posso dirvi che già lo amavo.


Di Inlight vi ho già abbondantemente parlato in questo post, quindi passo direttamente a darvi qualche opinione in merito al olio bevuto dal mio pavimento, per quanto ho potuto constatare in queste settimane. Si tratta di un olio molto leggero adatto a tutto il viso, io lo usavo applicando un paio di gocce sul contorno occhi e qualcuna in più su tutto il viso (ancora umido dal tonico), massaggiando con molta cura. L'assorbimento non è propriamente rapido per cui lo usavo quando stavo a casa o la sera. In assoluto la mia caratteristica preferita era il profumo: non saprei descrivervelo, ma era un mix di rosa, vaniglia e lavanda che mi faceva letteralmente impazzire. Infatti questi erano tre degli ingredienti principali, come si può vedere dall'INCI:


Ora che ne parlo mi sembra di sentirlo ancora... sniff sniff!
I benefici sulla pelle li stavo già notando: pelle morbida, levigata e sensibilmente nutrita, nonostante il freddo che attanaglia la Pianura Padana. Anche il contorno occhi mi sembra più disteso e le labbra idratate. Per me era un prodotto passepartout e mi piange il cuore che abbia fatto questa indegna fine.
Certamente non è un prodotto economico visto che sullo shop online viene venduto a 30€ per 30 ml, tuttavia posso dire che sono soldi ben spesi per chi cerca un prodotto di qualità e frutto di un'attenta ricerca scientifica combinata all'etica della cosmesi omeopatica.

Avete mai provato i prodotti Inlight? Cosa ne pensate?
E soprattutto, qual è la vostra posizione in merito alla moquette??

Disclaimer:
Ho ricevuto gratuitamente questi prodotti a scopo valutativo. Non sono in alcun modo affiliata all'azienda produttrice né ricevo alcun compenso per scrivere questo post.
I received this product for free. I'm not affiliated with the company and I don't receive money for this post.


10 commenti:

  1. Quanto, quanto mi sono rivista nel momento tragico in cui ti scivola qualcosa di mano e ti contorci, senza successo, perchè non cada????

    RispondiElimina
  2. purtroppo la forza di gravità ci è nemica!!

    RispondiElimina
  3. Devo ammettere che io invece apprezzo la moquette perché consente di non passare lo straccio per terra, attività che odio cordialmente! XD Quanto al tuo olio, mi dispiace davvero per l' incidente, e inoltre mi hai incuriosito da morire, lo voglio provare anche io! *_*

    RispondiElimina
  4. Io invece odio passare l'aspirapolvere (sono allergica alla polvere) e preferisco mille volte passare il panno, eh eh! Era un grande olio... pace all'anima sua!

    RispondiElimina
  5. Non mi piace la moquette proprio perchè, come dici tu, è un covo di polvere, ma è verissimo che a volte serve.
    Mia figlia, quest'estate, è caduta dal letto della camera dell'albergo, battendo le gengive (ha pure perso sangue, povera piccina!)Se non ci fosse stata la moquette e fosse caduta sul duro pavimento si sarebbe fatta molto, molto più male! Quel giorno la moquette l'ho benedetta!
    Interessante il prodotto che hai descritto, mi dispiace per la sua tragica e prematura fine, lo ricomprerai?
    Ciao, un bacio!
    Irene

    RispondiElimina
  6. povera tua figlia! la moquette alle volte è un supereroe! l'olio è davvero molto buono e penso che sì un giorno lo ricomprerò!

    RispondiElimina
  7. ciao cara, ti ho nominata come uno dei miei blog preferiti!

    RispondiElimina
  8. Che simpatico post! xD
    Condivido il tuo pensiero sulla moquette.. (s)fortunatamente però da noi non se ne usa. Noi siamo per le piastrelle!
    [passa da me se ti va . baci]

    RispondiElimina
  9. ciao..c'è un piccolo premio pèr te nel mio blog :)

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!