domenica 4 novembre 2012

La mia famiglia ed altri animali

durrell la mia famiglia ed altri animali

Il libro di oggi è un piacevole romanzo la cui lettura mi è stata ispirata da un post di Drama&Makeup: ricordo questo libro sullo scaffale della mia libreria da tempo immemore ed il titolo mi aveva sempre incuriosito, eppure non mi ero mai spinta così oltre da leggerlo. Grazie a Drama  ho fatto lo sforzo.
Racconta la storia della famiglia Durrell ai tempi in cui il noto biologo e zoologo britannico era ancora un bambino e la sua famiglia, orfana del padre, decide di trasferirsi a Corfù per godere del clima mediterraneo e sfuggire dalla umida e malsana Inghilterra. L’arrivo nell’isola greca si trasforma in un continuo incontro di personaggi strampalati, irriverenti e squisitamente divertenti, uno fra tutti il taxista Spiro, che, combinati, ai caratteri particolari ed altrettanto buffi della famiglia, creano un quadretto davvero godibile che strappa facilmente una sana risata.
La passione dello scienziato traspare da ogni pagina: ogni capitolo è un pretesto per illustrare qualche suggestivo scorcio naturale dell’isola e, soprattutto, per esporre le abitudini della fauna locale, dettagliatamente descritta, senza tuttavia mai peccare di pedanteria o eccessiva scientificità. Da un certo punto di vista si può dire che il racconto principale è costituito dall’esposizione pseudo-scientifica dell’ambiente corfiota costellato dalle vicende bizzarre che vedono i Durrell protagonisti.
Interessante il punto di vista narrativo, identificato nel Gerry bambino: Durrell è abilissimo nel raccontare con gli occhi dell’infanzia una storia che facilmente si presterebbe ad una distorsione dovuta all’età adulta.
Si tratta di un romanzo leggero e poco impegnativo, ma al contempo davvero gradevole, con scorci descrittivi quasi lirici e siparietti spassosi. L’episodio più suggestivo è senz’altro la descrizione del pic nic notturno sulla spiaggia mentre quello che proprio mi ha fatto ridere a crepapelle è quello del qui pro quo tra Gerry ed il suo maestro Kralefsky a proposito di una madre scambiata per un gabinetto: un’ironia davvero impagabile!


«
Questa è la storia dei cinque anni che ho trascorso da ragazzo, con la mia famiglia, nell’isola, greca di Corfù. In origine doveva essere un resoconto blandamente nostalgico della storia naturale dell’isola, ma ho commesso il grave errore di infilare la mia famiglia nel primo capitolo del libro. Non appena si sono trovati sulla pagina non ne hanno più voluto sapere di levarsi di torno, e hanno persino invitato i vari amici a dividere i capitoli con loro »
(Gerald Durrell, La mia famiglia ed altri animali, 1956)

Avete letto questo romanzo? Che ne pensate?

10 commenti:

  1. Sono felicissima che tu l'abbia letto, è davvero un libro piacevole :)

    RispondiElimina
  2. non l'ho ancora letto, ma penso proprio che lo farò appena mi è possibile!!!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie per questa segnalazione. Non mancherò a prenderlo in biblioteca o in libreria :)

    RispondiElimina
  4. Uno dei miei libri favoriti di sempre! Delizioso, intelligente, esilarante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai descritto alla perfezione in tre parole!

      Elimina
  5. L'ho letto questa primavera e mi é piaciuto molto. Anzi mi é piaciuto così tanto che é riuscito ad entrare nella lista dei miei libri preferiti!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero una lettura piacevole anche se non rientra nei miei 'best'!

      Elimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!