giovedì 21 marzo 2013

Iconic: Catherine Deneuve

Catherine Deneuve, 19651965

Mettetevi comodi perché la storia si fa lunga, oggi parliamo di Catherine Deneuve, forse la mia diva preferita di sempre il cui aspetto, il cui charme, il cui talento l’annoverano con ogni motivo tra i miei personaggi Iconic. Non mi spiego perché non le ho ancora dedicato un post quando per me occupa il trono dell’olimpo delle dive, quelle vere, quelle che non ci sono più. Non a caso spesso uso una sua immagine (quella che conclude il post per la precisione) come mio avatar: se mai un genio della lampada mi chiedesse in chi vorrei trasformarmi, il suo nome sarebbe il primo della lista!



Catherine Deneuve nasce nel 1943 a Parigi da Maurice Dorléac, attore di teatro e doppiatore, e Renée Simonot Deneuve, anch’essa attrice teatrale. Intraprende la carriera cinematografica ancora adolescente nel 1956 in Les Collégiennes, a cui seguiranno una serie di film in cui ricopre ruoli minori.  Il primo film da protagonista è un’opera musicale, Les Parapluies de Cherbourg, diretto nel 1964 da Jacques Demy, regista con cui girerà altri tre film di cui uno, Les Demoiselles de Rochefort (1967), in compagnia dell’amata sorella maggiore Françoise Dorléac, anch’essa attrice, che perde tragicamente la vita proprio quell’anno in un incidente automobilistico all’età di soli 25 anni.

francoise dorleac catherine deneuveCatherine Deneuve e sua sorella Françoise Dorléac (ovvero 'quando la genetica fa la differenza)

Sempre nel 1967 la sua carriera spicca il volo grazie a Bella di giorno (Belle de jour) diretto da niente meno che Luis Buñuel in cui interpreta la moglie di un ricco medico dell’alta società parigina che ha la perversione di fare la prostituta in un bordello nel tempo libero.

catherine_deneuve belle de jourBella di giorno (1967) di Luis Buñuel

L’anno successivo è scelta da François Truffaut  per affiancare Jean-Paul Belmondo in La mia droga si chiama Julie (La Sirène du Mississippi) dove ha il ruolo di Marion/Julie, ballerina di cabaret, che si sposa per corrispondenza con Louis, ricco imprenditore di La Réunion, per rubargli il patrimonio; tra i due nasce un sentimento folle e morboso che li porterà ad un inquietante epilogo (forse avrete visto il discutibile remake con Angelina Jolie e Antonio Banderas, Original Sin, ecco, magari guardate l’originale che è di un’altra pasta!).

sirene-du-mississippiLa mia droga si chiama Julie (1968) di François Truffaut

Ormai è una vera diva del cinema francese e non solo: lavora con Jack Lemmon, Roman Polanski, Marco Ferreri, Dino Risi, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni (con il quale stringe una relazione amorosa) Gérard Depardieu, Vittorio Gasman. Il suo talento innegabile la porta ad ottenere negli anni seguenti ben due César per migliore interpretazione femminile: nel 1981 per L’ultimo metrò (Le dernier métro, 1981) e nel 1993 per Indocina (Indochine, 1992). L’elenco dei suoi film è lunghissimo e sempre all’altezza del suo encomiabile talento sempre dimostrato.

Celebri sono alcune liaison sentimentali: da giovanissima ha una relazione con il regista Roger Vadim da cui avrà un figlio, Christian, nel 1963.

Catherine Deneuve & Roger VadimCatherine Deneuve e Roger Vadim

Nel 1965 si sposa con il celebre fotografo di Vogue David Bailey (alla cui vita pare si sia ispirato Anotnioni per Blow up del 1966) da cui divorzia però già nel 1967 (testimoni di nozze furono sua sorella Françoise e Mick Gagger).

Catherine Deneuve and David BaileyCatherine Deneuve e David Bailey

Nel 1971 conosce Marcello Mastroianni con cui intreccia una lunga relazione che le darà una figlia, Chiara Mastroianni, cantante ed attrice francese.

catherine deneuve mastroianniCatherine Deneuve e Marcello Mastroianni

Ma Catherine Deneuve non è solo una brillante attrice: grazie alla sua bellezza sensuale e malinconica, raffinata e algida, diventerà la musa di moltissimi stilisti francesi: ad esempio, per moltissimi anni sarà suo il volto del celeberrimo profumo Chanel n°5.

Catherine Deneuve in Chanel dressCatherine Deneuve in Chanel

Catherine Deneuve for chanelCatherine Deneuve nella campagna pubblicitaria di Chanel n°5

Catherine Deneuve in YSL and Coco ChanelCatherine Deneuve e Coco Chanel

Ma il vero connubio con il mondo della moda è firmato Yves Saint Laurent di cui non solo è ispiratrice ma amica intima.

British Vogue 1967 YSLCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent, British Vogue, 1967

Chaterine Deneuve in Yves Saint LaurentCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent

Catherine Deneuve walks the catwalk for Yves Saint Laurent Rive Gauche, 1966Catherine Deneuve sfila per Yves Saint Laurent, Rive Gauche, 1966

Yves Saint Laurent and his Best Friend and Muse Catherine Deneuve.Vogue Paris,March 1976Catherine Deneuve e Yves Saint Laurent, Vogue Paris, Marzo 1972

Catherine Deneuve and Yves Saint-Laurent, 1968Catherine Deneuve e Yves Saint Laurent, 1968

Ma il sodalizio con Yves Saint Laurent non resta solo nella vita privata: il mitico stilista francese la veste infatti anche in Bella di giorno e in La mia droga si chiama Julie, regalando delle misé passate alla storia per eleganza e sofisticatezza che restano tra i miei ‘costumi’ cinematografici preferiti in assoluto.

catherine-deneuve-on-the-set-of-belle de jourCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent in Bella di giorno (1967) di Luis Buñuel

catherine-deneuve-style-belle-de-jourCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent in Bella di giorno (1967) di Luis Buñuel

PIGmag-Cinema-Undressed-Yves-Saint-Laurent-4-510x337Catherine Deneuve in Yves Saint Laurent in Bella di giorno (1967) di Luis Buñuel

deneuve in sirene du mississippiCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent in La mia droga si chiama Julie (1968) di François Truffaut

Catherine Deneuve in Mississippi MermaidCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent in La mia droga si chiama Julie (1968) di François Truffaut

sirene-du-mississipi-deneuve&belmondoCatherine Deneuve in Yves Saint Laurent in La mia droga si chiama Julie (1968) di François Truffaut

In un’epoca in cui la femminilità non era ostentata ma naturale, Catherine Deneuve incarna il concetto stesso di eleganza, sia che si trovi in un set fotografico, posando in castigati costumi da ragazzina, a cui il suo volto e la sua fisicità si adattano alla perfezione, sia nella vita quotidiana, in stile garçonne, in cui risulta perfetta senza alcuna esagerazione, alla faccia della moderno fashion streetstyle.

Catherine Deneuve is wearing a white crepe nightshirt with little round collar and cuffs by Sylvia Pedlar of Iris, photo by husband David Bailey for Vogue 1966Catherine Deneuve fotografata da David Bailey per Vogue, 1966

Catherine Deneuve photographed by David Bailey for Vogue, 1968Catherine Deneuve fotografata da David Bailey per Vogue, 1968

deneuve streetstyle

La sua bellezza naturale è incorniciata da fluenti capelli biondi che talvolta virano al rossiccio, portati sempre naturalmente mossi e cotonati come la moda del tempo vuole e nelle occasioni più mondane raccolti in elaborate acconciature.

Catherine Deneuve hair

Catherine deneuve natural hair

deneuve hairstyle

Per quanto riguarda il trucco l’attenzione è sempre focalizzata sugli occhi, sia che opti per un evidente cat-eye sia che adotti il suo preferito Sixties make up recentemente riproposto in tutta la sua bellezza nel Vogue Italia di marzo.

catherine deneuve cat eye

belle de jour make up

Manon 70<br />Manon 70 <br />Year: 1968 - France<br />Catherine Deneuve , Sami Frey <br />Director: Jean Aurel

deneuve sixties make up

vogue beauty sixtiesVogue Italia, Marzo 2013

vogue sixties make upVogue Italia, Marzo 2013

Non semplicemente una diva, ma una vera e propria icona di talento, stile, bellezza, eleganza: Catherine Deneuve non è una donna, è un’opera d’arte a tutto tondo, l’incarnazione di una società naturalmente sofisticata, in cui gli eccessi erano non solo banditi ma addirittura impensati; in cui il less is more non era un semplice motto ma un vero e proprio modus vivendi; in cui una bellezza incantevole come la sua non era un pregiudizio per la carriera; in cui la perfezione era pura semplicità; in cui la vera trasgressione era dimostrare la propria femminilità.

deneuve on the beach

Guardo al presente e non vedo nessuna diva come lei, nessuna che coniughi bellezza e talento a livelli superiori e rimpiango la Dolce Vita perché ha visto personaggi come lei che non esistono più nello star-system di oggi.

Catherine Deneuve by Richard Avedon, Vogue, December, 1968Catherine Deneuve fotografata da Richard Avedon per Vogue, Dicembre, 1968

41 commenti:

  1. Qualche anno fa l'apprezzavo meno. Oggi la trovo ineguagliabile:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata sempre un grande amore!

      Elimina
  2. Donne così non se ne vedono più...

    RispondiElimina
  3. un'eleganza senza tempo...favolosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, sempre alla moda ieri come oggi a testimoniare che lo stile non tramonta mai!

      Elimina
  4. I tuoi post sono sempre interessanti! Complimenti! L'eleganza e' unica!
    Che ne pensi del mio? http://www.fashionsmile.it/fashion-blogger/tubino-nero-chanel/
    Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  5. Donne così non se ne vedono più.
    http://thetwinsfashion.altervista.org/blog/

    RispondiElimina
  6. Nuova follower, se ti va passa da me ;)


    http://beckybeautyblogger.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Bellissima. Una vera diva come non ce ne sono più.

    RispondiElimina
  8. Ho sicuramente visto il film "Bella di giorno", il trucco di quegli anni era davvero bello e sofisticato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro quel trend di trucco e sono contenta stia tornando!

      Elimina
  9. Blog interessantissimo. E lei... Perfetta. Classe da vendere.

    RispondiElimina
  10. donna incantevole...non avevo mai fatto caso che fosse lei nella foto che usi come avatar..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non in quello di questo blog, però ad esempio nel sito di Lauren Conrad, dove ci siamo conosciute, uso proprio quell'immagine!

      Elimina
  11. E' bellissima! E in quel peplo di YSL è meravigliosa!!
    Vieni a partecipare al nuovo giveaway: due fantastiche borse ARCADIA ti aspettano sul mio blog!
    Un bacione,
    Eleonora
    www.it-girl.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che con un personale come il suo è difficile non risultare sempre bellissima!

      Elimina
  12. Grazie per questo post è stato davvero molto interessante scoprire infomazioni a me sconosciute. Molto carina la foto con la serella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano davvero molto somiglianti: chissà quanto deve essere stato duro il periodo in cui è morta per la Deneuve!

      Elimina
  13. complimenti per questo post mi ha fatto conoscere cose nuove!un bacio
    PESCARA LOVES FASHION blog!
    FACEBOOK PAGE

    RispondiElimina
  14. La prima foto e divina

    http://couturetrend.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/couturetrend1

    RispondiElimina
  15. Era molto bella. Sua figlia, che poi è la figlia anche di Mastroianni, le assomiglia molto. :)


    Francesca
    The Glossy Mag

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, la bella Chiara... con una genetica del genere era un colpo sicuro!

      Elimina
  16. E' una delle mie dive preferite, anche se non LA preferita.
    Sicuramente emerge la sua essenza francese, che pure la rende diversa da altre che pure amo moltissimo, forse anche di più (Grace Kelly, Audrey Hepburn...). Indubbiamente oggi non ci sono figure di questo tipo che abbiano raccolto il testimone di dive di tale calibro. Ed è un vero peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'allure francese è sicuramente una componente rilevante sul fascino che esercita su di me!

      Elimina
  17. Superpost, Great Pixes!!!
    Hold on Sib!

    RispondiElimina
  18. Che bella!! Un mito :) se ti va passa da me :)
    www.deboragemin.it

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!