mercoledì 26 giugno 2013

Amare troppo o troppo poco

to-the-wonder-terrence-malick
«You shall love whether you like it or not.
Emotions, they come and go like clouds.
Love is not only a feeling; you shall love.
To love is to run the risk of failure, the risk of betrayal.
You fear your love has died; perhaps it is waiting to be transformed into something higher.
Awaken the divine presence which sleeps in each man, each woman.
Know each other in that love that never changes»
Ieri sera sono stata al cinema a vedere Stoker, ma di questo parlerò in un altro post (forse, perché non è che proprio si meriti chissà quante parole), la cosa bella è che ho potuto vedere per la prima volta il trailer del nuovo film di Terrence Malick, To the wonder, che mi ha fatto molto riflettere e voglio parlare proprio di queste riflessioni, e non del film che non ho ancora visto.
Le frasi che ho riportato in apertura del post sono proprio quelle recitate da Javier Bardem durante il trailer e raccontano un po’ il senso del film, per quello che ho capito della trama; ma per quanto si trattino solo di battute di un film, hanno un significato notevole anche per la vita. Chi ama o ha amato conosce il peso di queste parole, di quanta realtà risieda in pochi versi messi assieme. La vita è fatta di emozioni che ogni giorno cambiano e determinano il nostro essere; sono più di sensazioni, sono le dorsali del nostro carattere. E tra tutte le emozioni quelle più importanti sono quelle scaturite dall’amore che, appunto, non è solo un sentimento. Amare è un modo di vivere, di sentirsi vivi, di essere vivi. Tutte le emozioni contribuiscono a farci essere vivi, ma nulla più di quelle indotte dall’amore sublimano la nostra esistenza.
Bisogna amare per capirlo, in qualsiasi modo, ma amare.
Non esiste un modo giusto di amare, ogni persona ama nel modo in cui sa fare e per questo non può essere giudicata. Ma se si ama, se si decide di amare, anche se spesso non è una decisione, non ci si può tirare indietro, bisogna accettare i rischi, come il fallimento. È difficile accettare il fallimento, in ogni campo della vita, ma lo è molto di più nell’amore poiché non esiste nessun modo più radicale di mettersi in gioco, di mettersi completamente a nudo davanti ad un altra persona e sapere che quella nudità un giorno potrebbe essere violata o tradita. Stare assieme è difficile, è un impegno che non tutti sanno prendere, perché implica il donarsi in tutto ad un altro; pensare, guardare, vivere il mondo con uno sguardo diverso, con dedizione e sacrificio e solo chi ha la forza necessaria può riuscirci.
C’è chi non sa darsi del tutto, che non significa annullare la propria vita, ma cancellare i propri confini e fonderli con quelli di chi ama. C’è chi, invece, non riesce a non darsi del tutto, ad accogliere dentro di sé l’altro ed ama in maniera assoluta. Entrambi sono destinati a soffrire perché ogni assoluto cancella l’individualità e devasta l’essenza del singolo.
Bisogna saper accettare il rischio della devastazione, quando si ama, e rassegnarsi all’imprevedibilità della vita.
Ma bisogna anche avere la consapevolezza che non sempre l’amore finisce, non subito, forse mai. Talvolta bisogna scacciare la paura che il proprio amore finisca «forse sta aspettando di trasformarsi in qualcosa di più grande» solo che non tutti hanno la pazienza o lo sguardo abbastanza profondo per accorgersene e così lasciano andare tutto perché è più facile. Il sacrificio è difficile, l’impegno è difficile, risolvere i problemi è terribilmente impegnativo, cancellare tutto è semplice, provoca un dolore immediato forse, ma è di breve durata, perché il tempo fa il suo corso ed il tempo è galantuomo.
Non esiste una soluzione all’amore od un modo giusto di viverlo, ognuno lo fa come può. È precisamente l’incontro di diversi modi di amare che rende la vita tanto bella.

20 commenti:

  1. ma bellissimo! concordo, l'amore è uno stato d'animo, non un'emozione passeggera. quando ami qualcuno sei un'altra persona, e anche se non trovi, puoi amare qualcos'altro (nel frattempo).

    quindi stoker niente di che... peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, cara. Amare è molto di più.

      Stoker? Mah, boooring, direbbe l'Annoying Orange!

      Elimina
  2. Tutto cio' che hai scritto e' verissimo.Non per nulla c'e' scritto anche nella Bibbia che la cosa piu' grande e' l'amore!(Nuovo Testamento,Prima lettera ai Corinzi,Capitolo 13).Se posso usare un'analogia cristiana...
    Io per ora ho provato il vero,puro e incondizionato amore solo verso i miei genitori.Non ho ancora vissuto l'amore vero per un uomo e lo vorrei tanto.Ma e' anche come dici tu,alcuni di noi non sanno perdersi nell'altro...
    XO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni cosa ha il suo tempo e quell'amore arriverà anche per te al momento giusto!

      Elimina

  3. Se tu nell'amore hai un solo modo di rapportarti (sempre con lo scontro oppure sempre accondiscendente oppure sempre in chiusura o sempre in attacco), non puoi che ottenere sempre i soliti risultati. Ma se tu impari un modo nuovo avrai più possibilità di riuscita. E se impari dieci strategie per rapportarti, avrai dieci possibilità in più.

    Torniamo presto a trovarti….
    Silvia&Mari
    Emilia e Salento Effetto Moda
    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/
    emiliasalentoeffettomoda@gmail.com

    RispondiElimina
  4. Belle le tue considerazioni. E' difficile parlare dell'amore, un sentimento troppo vasto e variegato, troppo mobile e ricco di sfumature per essere confinato. E, nonostante le esperienze negative o positive che ognuno di noi può incontrare, non ne possiamo fare a meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse questo è il più grande difetto dell'amore: non poterne fare a meno!

      Elimina
  5. parlare d'amore ritengo sia la cosa più difficile . L'Amore è sempre uguale , sempre lo stesso, ma noi cambiamo, e così il nostro modo di viverlo .....amassimo 100 volte tutte le volte ameremmo in un modo diverso , forse con la stessa intensità ma con espressioni nuove.
    L'Amore può essere inferno o paradiso , ma in ogni caso quando sei coinvolto non puoi scappare .

    ave

    RispondiElimina
  6. Ma che bello questo post. *__* Ci fai emozionare così :)

    Francesca
    The Glossy Mag

    RispondiElimina
  7. ma che post poetico!!!
    bellissimo.
    complimenti

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Che bel post!! Sei brava!
    Mi fa moltissimo piacere che mi leggi :)
    xoxo

    Giulia

    RispondiElimina
  9. Ciao Siboney,
    io non ho ancora provato l'amore vero, ma ho un patto di sposarmi con una cara amica all'età di 30 anni, se entrambi rimarremo soli? Cosa ne pensi?
    Tuo
    Zamuschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso proprio che sia la soluzione più felice ed intelligente ;-)

      Elimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!