lunedì 16 dicembre 2013

Idee regalo: un buon libro come Le regole della casa del sidro

john irving le regole della casa del sidro

«Quel ch'è più arduo ad accettarsi, riguardo al passare del tempo, è che le persone che un tempo contavano tanto per noi siano adesso chiuse fra due parentesi»

Ebbene sì, un’altra volta John Irving, un autore di cui non riesco proprio a fare a meno e non devo fare a meno visto che la mia amata sorellina mi ha promesso di regalarmi un suo libro ad ogni natale/compleanno da qui fino a quando esauriremo la sua opera omnia! Adoro ricevere libri in regalo (se sono romanzi, io leggo solo romanzi nel mio tempo libero!) e mi piace anche regalarli, anche se so che non tutti amano riceverli: certe persone preferiscono scegliere da sé le proprie letture e temono che il gusto di coloro che fanno il regalo non sia compatibile con il proprio. Può anche essere vero, ma a me piace scoprire cosa le altre persone pensano io possa gradire, senza contare che magari possiamo scoprire grandi amori letterari che da soli non avremmo mai scelto. Quindi, quale occasione più ghiotta del Natale per fare incetta di libri come regali?

Per me Irving è uno dei più grandi scrittori americani contemporanei: i suoi romanzi scavano dentro, portano a galla emozioni sopite, fanno inorridire per la quotidiana crudezza della vita, fanno emozionare anche per gli impulsi più vili ed incestuosi, fanno vibrare le corde dell’animo davanti alla purezza dei sentimenti, fanno ridere davanti all’ironica assurdità degli eventi. Un invisibile fil rouge lega i romanzi che ho letto finora, anche se non saprei descriverlo a parole:  la sensazione è che ci sia qualcosa di inebriante a legare Hotel New Hampshire, Il mondo secondo Garp e Le regole della casa del sidro. Non sono certo le vicende o i personaggi, ogni volta nuovi e profondamente caratterizzati; non è lo stile, sempre nuovo, sempre intenso, sempre radicalmente diverso. Probabilmente a legare il tutto è il cuore, quel cuore di cui non tutti i libri, a mio avviso, sono dotati; e non parlo di buoni intenti, perché Irving ha un suo sottile modo per essere sempre inesorabilmente scorretto; parlo di ciò che sa trasmettere al lettore, del tumulto di sensazioni che travolgono ad ogni pagina, uno tsunami di emozioni.

le regole della casa del sidro theron mcguireLe regole della casa del sidro (1999) di Lasse Hallström

Anche Le regole della casa del sidro, sebbene con minor potenza dei precedenti, non si esime dal suscitare quelle emozioni. Se avete visto l’omonimo film con Tobey McGuire, Charlize Theron e Michael Caine, dimenticatelo! Quel film non rappresenta neanche una parte infinitesima dello spessore letterario del libro, sebbene la performance di Caine sia ottima (tuttavia non all’altezza del magnifico Dottor Larch). Non si tratta di un romanzo facile, la tematica affrontata è delicatissima: questo romanzo, prima che di personaggi indimenticabili e delle loro storie fuori dal comune nonostante la loro semplicità, parla di aborto, della questione etica dell’aborto. Parla di come due persone così affini come il Wilbur Larch ed Homer Wells (il protagonista di cui il dottor è idealmente padre adottivo e mentore) due persone che si amano così intensamente, possano tuttavia pensarla in maniera diametralmente opposta e su questo pensiero intraprendano percorsi di vita che li allontanano anche se la sorte alla fine li attende allo stesso cancello, quello dell’orfanotrofio di St. Cloud’s.

le regole della casa del sidroLe regole della casa del sidro (1999) di Lasse Hallström

Questo è uno di quei libri che merita di essere letto, non solo per la storia suggestiva ed intima, ma anche per i tratti decisi con cui Irving dipinge i personaggi, per il suo stile poliedrico ma inconfondibile, per l’intelligente ironia, per le brillanti riflessioni che costellano le vicende.

Se non avete mai letto Irving è il momento di farlo, se lo conoscete già, ebbene, è il momento di regalarlo. Personalmente penso sia un’idea regalo eccezionale, perché è uno di quei romanzi che può essere apprezzato trasversalmente ad ogni età, sia da uomini che da donne. Regalatelo magari ai vostri genitori, o ad una coppia di amici così che poi possano affrontare una bella discussione assieme. E magari accompagnate a questo grande romanzo uno strumento di lettura utile come il cofanetto His&Her, contenente una coppia di occhiali da lettura firmati Porsche Design Eyewear, in leggero acciaio inossidabile completamente ergonomici. Questi occhiali fanno parte dell’originale serie di Reading Tool, occhiali capaci di piegarsi fino ad appiattirsi e scomparire all’interno del taschino della giacca: in un solo oggetto eccezionale leggerezza, elevato comfort di utilizzo grazie alle speciali lenti Rodenstock antiriflesso.

ReadingTool

Penso che sia un’idea regalo brillante oltre che utilissima (io da anni ho fatto dei regali utili la mia bandiera!), specie per i serial killer di occhiali da lettura come i miei genitori!

«Era opinione di Homer che il sesso avesse poco a che fare con l’amore; che l’amore venisse messo maggiormente a fuoco e sentito nei momenti di tenerezza e di premura»

Avete mai letto i romanzi di Irving? Pensate che regalerete qualche libro questo Natale?

6 commenti:

  1. Irving mi manca e da quel che leggo è una mancanza grave. Rimedierò.

    RispondiElimina
  2. Ciao, sono tornata in pista! Grazie per il tuo commento, sei sempre presente ! Penso di non aver mai letto nulla di Irving. , lacuna che va colmata ..... in questo momento sto leggendo in modo piuttosto disordinato a causa di book crossing, attualmente sono su " grandi seni larghi i fianchi" pesante ma bello. ! A presto ave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conosco ma dal titolo sembra interessante!

      Elimina
  3. gli occhiali da lettura sono davvero molto interessanti e raffinati...un bellissimo regalo magari abbinato a un bel libro
    xoxo
    buona serata

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!