lunedì 3 febbraio 2014

La vita di Adele

la vita di adele5

Forse sarei stata più “sul pezzo” parlandovi dell’evento della scorsa settimana, l’uscita di The wolf of Wall Street di Martin Scorsese con il mio amato Leonardo Di Caprio, ma se devo essere sincera l’evento cinematografico della settimana per me è stato La vita di Adele di Abdellatif Kechiche, vincitore della Palma d’Oro allo scorso Festival di Cannes, che purtroppo sono riuscita a vedere solo con grande ritardo. E non mi stupisco affatto che abbia ottenuto una delle onorificenze più ambite del panorama cinematografico perché si tratta di una pellicola indimenticabile.

Molto si è discusso sulla tematica affrontata, ovvero la relazione omosessuale tra una giovane studentessa di Lille, Adele, interpretata da una straordinaria Adèle Exarchopoulos, attrice pressoché esordiente, ed Emma, Léa Seydoux magnifica anche con i capelli blu. In realtà questo film parla semplicemente di amore, un amore straordinario a prescindere dall’orientamento dei personaggi, a prescindere dai pregiudizi, a prescindere da tutto: è semplicemente un film che parla d’amore.

la vita di adele 3

La storia è divisa in due capitoli. Nel primo viene raccontata magistralmente la difficile adolescenza di Adele, divisa tra le convenzioni della società in cui vive ed il suo straripante amore per Emma, con la quale ha un colpo di fulmine semplicemente incrociandola per strada. Le certezze di Adele crollano dopo quello scambio di sguardi, dopo che il blu dei capelli e degli occhi di Emma entrano in lei e le portano via qualcosa.

«Vagava con un cuore a cui mancava qualcosa e non sapeva cosa»

Non potendo resistere all’amore che prova, Adele cerca Emma fino a trovarla e da quel momento inizia la loro relazione passionale ed intensa, scandita da una carnalità poetica e mai volgare e dalla gioia del blu, quel colore che rappresenta la libertà, la voracità nei confronti della vita di Emma che travolgono anche quella di Adele.
Il secondo capitolo racconta quello che succede dopo, quando Adele ed Emma vivono assieme, quando lavorano, l’una come modesta insegnante di scuola elementare, l’altra come talentuosa pittrice. Ma Emma non ha più i capelli blu, ora sono biondi, più convenzionali, più da persona matura com’è diventata lei stessa, dedicandosi strenuamente alla sua arte e trascurando Adele che per questo si sente abbandonata e la tradisce con un collega di lavoro. Così Emma la caccia, anche se il tradimento sembra più un pretesto che un motivo: un pretesto perché Adele è troppo semplice, troppo borghese, troppo poco artista ed ambiziosa per lo stile di vita che Emma desidera. L’ostentato anticonformismo di Emma è una maschera in forte contrasto con il reale anticonformismo di Adele che non sa di cosa parlare a proposito di arte, di letteratura, di cinema, ma sa vivere, senza pensare, senza costruire una realtà fittizia di immagine, perché Adele è, Adele vive, Adele ama, Adele soffre. Ed alla fine Adele sprofonda in una struggente depressione, senza riuscire a dimenticare l’amore per Emma, l’unico amore che abbia mai provato, anche quando quest’ultima ormai si è fatta un’altra vita, molto più convenzionale di quanto avrebbe mai potuto immaginare, fatta di una nuova compagna come lei pseudo-bohemienne, un figlio, una carriera e sesso noioso, senz’anima. Per quanto sia dura da ammettere per Emma la sua passione per l’inadeguata Adele non è morta ma lascia traccia sulle tele che dipinge in cui la sua più travolgente amante non manca mai.

la vita di adele 2

Questo film è un piccolo capolavoro in ogni sua parte. Alla maggioranza degli spettatori è piaciuto di più il primo capitolo che mette in scena l’adolescenza con tutti i suoi problemi con un lirismo che mai avevo visto per un argomento simile. La nascita dell’amore tra Adele ed Emma è qualcosa di sublime, sia per le parti più strettamente sentimentali che sono capaci di trasmettere attraverso le immagini e le poche salienti battute cosa significa innamorarsi, sia le molte parti dedicate al loro intenso amore fisico: le sequenze dedicate al sesso tra Adele ed Emma sono lunghissime, perfettamente esplicite, riprese a pieno campo; interi minuti dedicati alle due giovani donne che si amano anima e corpo, in maniera vorace, senza fermarsi, godendo l’una dell’altra in un atto di perfetta fusione mistica. Ma ovviamente la parte che io ho preferito è la seconda, in cui Adele, abbandonata, cerca di sopravvivere alla fine del suo rapporto e lo fa con una estrema forza d’animo che però non le permette di non soffrire. Non può dimenticare il più grande amore della sua vita, neanche quando Emma le dice che non la ama più, che adesso ama un’altra. Il dolore di Adele è straziante, per lei e per chi la guarda e neanche la consapevolezza che Emma non l’ha dimenticata ma che anzi la ritrae sempre nei suoi quadri può colmare quell’imperituro vuoto che si porterà in eterno dentro.

la vita di adele

Non si può dire a parole quanta meraviglia risiede in queste tre ore di film, allo stesso tempo carnale e sentimentale, come a dire che nessun sentimento può nutrirsi solo di se stesso e che la sessualità non è qualcosa di secondario, è qualcosa di altrettanto dignitoso quanto l’amore ed anzi si eleva oltre l’amore rappresentando la fusione di anima e corpo con una potenza indescrivibile se non attraverso le sensuali pitture di Egon Schiele.

the embrace egon schiele 1917Egon Schiele, L’abbraccio, 1917

Le interpretazioni di Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux sono qualcosa di gigantesco: concrete, coinvolgenti, estenuanti nel loro realismo, esaltate dall’intensa regia di Kechiche che indugia volontariamente sui loro volti, sulle loro bocche, sui loro corpi, quasi avesse il desiderio di fare entrare lo spettatore nel personaggio, cosa che personalmente mi è accaduta.

La vita di Adele non è un semplice film, è quello che io definisco un’esperienza, che lascia un segno, non marginale, dentro a chi lo guarda, dentro a chi ha la sensibilità per comprendere quanto devastante può essere un vero amore.

26 commenti:

  1. Questo post mi ha realmente colpito, non avevo mai sentito parlare del film ma adesso lo andrò a vedere senza ombra di dubbio, mi hai proprio incuriosito:)
    www.welcometomysillylife97.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia quanto è piaciuto a me!

      Elimina
  2. questa recensione è davvero bellissima, non credo che guarderò mai il film, ma ti ha appassionato tantissimo, che brava che sei a descriverli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Cate. Però ti assicuro che ci sono blogger veramente mooolto più bravi di me!

      Elimina
  3. Questo film mi ha fatto piangere. Quando Adele capisce che Emma non la ama credo che mi sia spezzato il cuore. Ho la tua stessa visione di questa opera meravigliosa. E grazie per il quadro di Shiele, non mi sono ancora ripresa dopo una mostra dedicata anche a lui che vidi a Milano nel 2010. L'amore e' perfettamente presente in questa pellicola così come la luce e le atmosfere.. Forse un sesso troppo esplicito? Non ci avevo fatto caso, ma ho colto in giro parecchio fastidio per tutto quel sesso. Ci ho riflettuto (ha dato fastidio anche a due mie amiche che sono una coppia).. Forse e' bello anche immaginarlo. Comunque non cambierei nulla di questo film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che le scene di sesso in questo film siano necessarie a comprendere l'intensità del rapporto tra Adele ed Emma, per questo non le ho trovate fastidiose.
      Per quanto riguarda l'ultimo dialogo tra le due amanti, anche a me si è spezzato il cuore quando Adele ha capito!

      Elimina
  4. Mai sentito parlare di questo fiilm, in effetti è tanto che non vado al cinema, però mi hai fatto venire voglia di andarci ...


    XoXo
    Mary
    New Post-> http://www.modidimoda-mapi.blogspot.it/2014/01/instapost.html

    RispondiElimina
  5. Ehila penso proprio come te. Il film mi ha suscitato una fortissima empatia, soprattutto nella fase della "autoguarigione". Alla fine gli amori sono tutti uguali. http://gynepraio.com/2013/10/28/la-vita-di-adele/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado immediatamente a leggere la tua opinione sul film: sono curiosissima!

      Elimina
  6. per me come sai il top viene raggiunto nella prima parte in cui ci sono le scene migliori, come quella che hai messo sulle note di i follow rivers, mentre nella seconda la pellicola diventa un po' troppo frammentata.
    comunque nel complesso esperienza enorme ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella scena in cui Adele balla è una delle mie preferite del film!

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Mi hai incuriosita : lo devo assolutamente vedere!



    Bisous ♡
    BecomingTrendy

    RispondiElimina
  9. wow, mi hai incantata! E il dipinto di Schiele è quel tocco in più che mi ha conquistata. A questo punto non mi rimane che vedere il film, sperando di reperirlo in qualche modo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu pensa che dopo aver scritto questo post sono andata a cercare la tua recensione del film e non l'ho trovata, eh eh!

      Elimina
  10. mi è piaciuto molto leggere questo post... mi hai incuriosito... io non guardo molto i film però penso proprio che questo lo vedrò!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vedi pochi film vale la pena vederne di belli ;-)

      Elimina
  11. "vagava come un cuore a cui manca qualcosa" - delle volte preferirei non sapere il significato di certe frasi! Quando vai a vedere anche The wolf of Wall Street?
    Sono curiosa di sapere cosa ne pensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, eppure conoscere il significato di frasi così mi fa sentire estremamente ricca.
      Visto anche quello ma Adele aveva la priorità!

      Elimina
  12. Sapevo che dovevo guardarlo! Beh...non vedo l'ora! :)

    RispondiElimina
  13. Ora devo assolutamente vederlo... e mi sa che dopo sarò in debito con te :)

    RispondiElimina
  14. Che recensione, si vede proprio che ti è piaciuto tantissimo! Il trailer mi aveva già incuriosita, lo vedrò appena possibile...l'ultimo film che ho visto al cinema è stato Philomena ed è stato parecchio toccante!

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!