giovedì 17 aprile 2014

Lettera ad un’amica col cuore spezzato

Crying Girl (1964) by Roy Lichtenstein

Cara amica,

Sì, è vero, forse non siamo amiche, in effetti si può dire che neanche ci conosciamo. Eppure io so cosa sta passando e so anche che il peggio non è passato, anzi, sei solo all’inizio ed il vero male arriverà dopo, quando prenderai davvero consapevolezza della situazione. So come ti senti perché l’ho passato anch’io, più di una volta invero, e so anche che adesso la strada è tutta in salita. Purtroppo so benissimo che ti fa male quel punto del petto, non dove c’è il cuore, un po’ più in basso; so che in alcuni momenti ti manca il respiro e che ci sono giorni in cui piangi così tanto che ti scoppia la testa e preghi solo di dimenticare tutto, così almeno anche il dolore finirà. Non è facile  e non sarà veloce, questo te lo confido con amarezza, perché non si dimentica un amore con velocità ed in breve tempo.

Se lo si dimentica in fretta e senza quella fitta perpetua al petto significa che non era amore. Ma il tuo lo era ed è per questo che è così dura. Ci vorranno mesi prima che questa sofferenza passi e che tu dimentichi, ma stai certa che quel giorno arriverà e sarà il più bello della tua vita perché capirai finalmente quanto sei importante per te stessa e quanto la tua felicità valga più delle lacrime che qualcuno ti fa scorrere.
Io so che tu vuoi ancora quello stronzo che ti ha lasciato. E probabilmente non è neanche un vero stronzo, forse è anche un bravo ragazzo che non sa quello che vuole o forse lo sa e semplicemente non vuole te. Mi dispiace per lui perché tu sei quanto di meglio gli potrà mai capitare in vita e ancora non lo sa. Stai tranquilla, un giorno lo capirà, ma speriamo che quel giorno sia abbastanza lontano, così che tu abbia dimenticato il tuo amore per lui e tutti questi tormenti. E questo perché lui non ti merita e non perché non è alla tua altezza, ma perché ti ha spezzato il cuore, almeno una volta, e non ti ha voluto e tu meriti di essere voluta come un prezioso tesoro a cui nessuna persona voglia rinunciare. So che ora non condividi, che gli vuoi ancora bene, ma fidati, amica, vedrai che presto quell’amore si spegnerà, piano piano, verrà soppiantato da un caldo affetto e poi anche l’affetto sbiadirà in un pallido ricordo: i ricordi poi si archiviano, si dimenticano e la vita va avanti perché è fatta solo di momenti del presente.
Ti sembrerà retorico ma so bene quanto stai male perché anch’io come te ho messo il mio cuore in mano a uomini che lo hanno spappolato, certi più di una volta, e dio, quanto male fa! Ma il dolore passa, un po’ alla volta. Tu pensa che un cuore può sopportare un infarto! Il tuo cuore ne uscirà provato e forse più fragile ma batterà ancora, con una vitalità nuova, quella del sopravvissuto: così sarai più forte, più consapevole, più felice. Fidati, andrà così, devi solo avere pazienza ed aspettare che la polvere e le macerie si depositino e poi sarai libera.
So che ora hai solo voglia di piangere, di gridare per la rabbia o semplicemente di guardare un punto nel vuoto; è giusto sia così, fallo, trascorri così le ore, i giorni, le settimane, ma, ti prego, amica, non lasciare che le settimane diventino mesi e i mesi anni. Guardati allo specchio e ricorda chi sei. Mettiti un bel rossetto rosso ed esci. Metti un rossetto rosso, non perché devi sembrare più bella o seducente, solo perché il rosso è il colore della passione e tu sei fatta di passione: tu sei qualcosa di magnifico, di grande, di immenso. Quelle labbra rosse devono ricordarti sempre quanto unica è la tua essenza, quanta vita scorre nelle tue vene. Mettiti un bel rossetto, un bel vestito ed esci con le tue amiche o anche da sola: non aver paura di ballare da sola perché nessuno ti fa compagnia, tu basti a te stessa! E sorridi, anzi, ridi! Ridi ancora più forte quando ti viene da piangere, e succederà spesso nei prossimi mesi, sforzati di ridere e diventerà naturale. Quando sentirai quel dolore crescerti nel petto e le lacrime affollarsi ai tuoi occhi, pensa a qualcosa di buffo, ridi, esorcizza quel dolore, rendilo piccolo come si merita. Io l’ho fatto per tanti mesi ed ora mi è più facile ridere che piangere, anche quando tutto va male. La vita è troppo breve per sprecarla ad asciugare il mascara sbavato dalle lacrime…

Amica, quel cuore spezzato si ricucirà ancora mille volte perché lui non è l’ultimo uomo che amerai.

Con affetto.

G.

if you are sad if you are heartbroken

24 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie, Dama, spero serva a qualcuna che come me ha passato questi momenti.

      Elimina
  2. :') Metti un rossetto rosso ed esci <3

    RispondiElimina
  3. Non lasciare che le settimane diventino mesi e i mesi anni.
    Guardati allo specchio e ricorda chi sei. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non bisogna mai perdere di vista chi siamo.

      Elimina
  4. Che fortuna averti per amica. Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, sono stata più fortunata io ad avere le amiche ed anche gli amici che ho avuto vicini in quei momenti...

      Elimina
  5. è una lettera meravigliosa! quanto vorrei avere un'amica così!

    RispondiElimina
  6. oddio che lettera bellissima! <3
    Un nuovo outfit ti aspetta sul mio blog!
    Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi! :)
    Un bacione,
    Eleonora
    www.it-girl.it
    It-Girl Facebook page

    RispondiElimina
  7. Non mi vergogno a dire che mi hai commossa. E ho pianto.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero sia stato un pianto positivo...

      Elimina
  8. Splendide parole <3

    The Cutielicious
    http://www.thecutielicious.com
    Federica

    RispondiElimina
  9. Bellissima lettera!
    www.agoprime.it

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!