lunedì 13 marzo 2017

LIFESTYLE | Consigli per automobilisti solitari

drive

Il 2016 è stato un anno letteralmente on the road: ho collezionato svariate decine di migliaia di chilometri, quasi tutte sola soletta nella mia auto. Guidare per ore intere da sola fa parte del mio lavoro, talvolta è molto rilassante, altre volte innervosisce: ci sono dei giorni in cui la solitudine ed una strada davanti rappresentano una solitaria catarsi da settimane di pressione per cui non vedo l’ora di sedermi al volante; altri giorni il pensiero più frequente è “quanto tempo sprecato alla guida!”. Nel corso dei mesi ho imparato a bilanciare questi due aspetti, ottimizzando le ore alla guida per fare cose che durante il giorno non avrei il tempo di fare.

# ASCOLTARE MUSICA Raramente ho tempo per ascoltare musica: chiaramente mentre lavoro non è possibile, nel tempo libero preferisco il silenzio, mi aiuta a rilassarmi e decomprimere la mente. Le ore in macchina sono invece l’ideale per ascoltare la mia musica preferita. A tal scopo su una chiavetta USB ho caricato alcune delle mie playlist preferite, diverse a seconda del mood: nei giorni in cui sono più carica parte la compilation Beyoncé&other stories; nei momenti più riflessivi parte Giulia’s theme, un mix di rock e indie; per i momenti nostalgici parte invece la cartella Jazz.

brigitte bardot driving

# TELEFONARE AGLI AMICI Mille volte al giorno mi viene in mente questa o quella persona e mi riprometto di chiamarla per sentire come sta, poi però, fagocitata dagli impegni, dimentico di farlo oppure non trovo un momento libero. Ore di automobile in solitaria sono l’ideale per raccontarsela con un amico, facendo diventare anche la coda al semaforo un momento rilassante. Ovviamente niente telefono alla guida, se ci teniamo ai punti sulla patente, proprio per questo il mio primo acquisto quando ho iniziato questo lavoro è stato l’auricolare bluetooth, senza cavi tutto è molto più comodo!

drive girl

# AUDIOLIBRI Ho sempre snobbato gli audiolibri, ritenevo che guastassero il piacere della lettura. Tuttavia recentemente ho scoperto che possono essere un piacevole sottofondo alla guida in alternativa all’autoradio. Basta scaricare un’app e collegare l’auricolare o il bluetooth dell’auto e si è immediatamente catapultati in qualche dimensione letteraria ben lontana dal traffico stradale. Il mio consiglio è scegliere romanzi in cui l’azione o il dialogo sono gli elementi prevalenti poiché libri troppo riflessivi potrebbero richiedere un impegno in termini di concentrazione troppo grande: ricordiamoci sempre che alla guida bisogna prestare la massima attenzione alla strada!

driving women

Se vi piace guidare ma non avete un’auto, se dovete fare un lungo viaggio e non siete sicuri della vostra macchina, potete sempre ricorrere all’autonoleggio, un sistema pratico e veloce che vi permette di godervi il piacere della guida in tutta sicurezza. Io ho usato a lungo il sistema dell’autonoleggio e l’ho trovato davvero molto efficace: si ha la possibilità di avere un’automobile in condizioni perfette senza nessuna fatica! Se non sapete da dove iniziare, vi consiglio di visitare il sito NoleggioAuto.it: prima di prenotare un noleggio è infatti molto conveniente consultare siti di comparazione prezzi per individuare quello più vantaggioso. Un volta che avrete individuato l’offerta più conveniente non vi resta che prenotare l’auto e godervi il piacere della guida e se siete in solitaria, potreste sperimentare uno dei miei metodi preferiti per impiegare le ore di viaggio in tutta tranquillità!

Quali sono i vostri modi per rendere più piacevoli i lunghi viaggi in auto?

3 commenti:

  1. a me piace moltissimo ascoltare la musica. Se sono stanca la musica che mi fa canticchiare è perfetta, sennò va benissimo anche quella della radio. Anche se spesso non mi piace ascoltare troppo le pubblicità, finisco per imparare a memoria anche quelle. Gli audiolibri non li ho mai calcolati, devo provare!

    RispondiElimina
  2. La musica quando si è da soli in macchina è un vero toccasana. Anche se per me che viaggio spesso, a volte diventa "noiosa". Ebbene sì, quando sei in viaggio per due o tre ore, dopo un po' stanca (o almeno a me capita questo). Spesso magari tra un intervallo e l'altro chiamo qualche amico. Ammetto a volte che il telefono mi ha distratto, ma adesso da quando ho preso questo navigatore http://www.ilnavigatoresatellitare.com/navigatore-tom-tom/tomtom-go/tomtom-go-520/ non mi capita più di tenere il cellulare all'orecchio mentre guido (anche se lo facevo solo per pochi secondi prima di accostare, mi reputo ugualmente un cretino). Diciamo che piuttosto che comprare l'auricolare bluetooth, ho direttamente comprato un navigatore che mi aiutasse sia a trovare la strada giusta e sia a chiamare senza uscire il telefono di tasca.

    RispondiElimina
  3. Ho letto l'articolo con grande interesse. Mi piace molto anche l'immagine che rappresenta una donna che guida una macchina rossa, e vorrei averne una simile a casa.

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!