mercoledì 17 dicembre 2014

QDCPI | Ed è subito Natale… I nostri 5 must

40b5fe1d3d5f54940366e9e4b37d2434

Ebbene, è arrivato il momento di portare un po’ di Natale anche qui visto che io sono in modalità festiva già da quasi un mese (complice l’albero che sbrilluccica dal 25 novembre)… per me Natale non è mai troppo presto e non dura mai abbastanza! E quale modo migliore di celebrarlo se non con il primo post ufficiale della rubrica QDCPI – QUALCOSA DI CUI PARLARE (INSIEME). Se non rammentate le origini di questa collaborazione con Enrica, Bri, Erika e Serena, potete trovare QUI il post di presentazione ed alla fine di questo delirio i pulsanti con cui raggiungere la loro versione dell’articolo di oggi che ha un titolo direi sufficientemente esplicativo: cosa rende Natale il mio Natale, riassunto in cinque pratici punti!

martedì 16 dicembre 2014

BEAUTY | Bionda, Rossa o Mora: il look Rock My City di Jean Louis David

140417_E_669 OK

Questa settimana devo andare dal parrucchiere e voi donne sapete quanto me quanto questo momento sia dolce-amaro: dolce perché rinnovare il look è sempre un rinnovo di noi stesse, ci vediamo più belle, più grintose e più felici (per stare bene ‘fuori’ bisogna stare ‘bene’ dentro); amaro perché, vuoi o non vuoi, non siamo mai contente, c’è sempre il terrore che non ci spieghiamo bene, che il parrucchiere non capisca cosa vogliamo, il misunderstanding è dietro l’angolo! Se poi come me siete un catorcio in questi giorni (tra lavoro frenetico, studio ed ogni tipo di virus che neanche un bambino all’asilo!), capirete quanto è essenziale uscire perfette dal salone, per riacquistare quel minimo di amor proprio. Io ho imparato che quando vado a farmi i capelli posso intraprendere due via: “fai di me ciò che vuoi” oppure il “fammi così”, mostrando la foto selezionata dopo mesi di casting su Pinterest. Questa volta alle selezioni per il look di fine 2014 ed inizio 2015 mi sono avvalsa anche dell’aiuto della nuova collezione ROCK MY CITY di Jean Louis David ed ecco le immagini vincenti!

giovedì 4 dicembre 2014

CINEMA | Amour ovvero “in salute ed in malattia”

amour scena finale

«Will you still love me when I’m no longer young and beautiful» canta Lana Del Rey in The Great Gatsby, come a dire “adesso sono giovane e figa, ma fra quarant’anni che non sarò più né l’una né l’altra? come la mettiamo?”. Saggia riflessione, nonostante provenga dalle polpose labbra della gioviale Lana.

Effettivamente bisogna essere onesti, è facile amarsi a venti, trent’anni, quando tutto è una scoperta, quando c’è la forza della giovinezza, l’entusiasmo del percorso futuro pieno di possibilità. Ma riparliamone, diciamo, quando gli anni sono triplicati, quando è più la parte della vita trascorsa assieme che quella da soli, quando gli acciacchi non sono solo un mal di testa settimanale o le cervicali. Proprio questo racconta Amour di Haneke, l’amore tra due anziani, interminabile, passionale e ricco di tenerezza, nel bene e nel male.

martedì 2 dicembre 2014

CITAZIONE DEL GIORNO | Ho rinunciato a te

LAST NIGHT

Joanna: «Sai, non gli ho mai raccontato di noi… perfino quando sentivo il bisogno di confessare qualcosa!»
Alex: «Cioè quando?»
Joanna: «Quando siamo ubriachi, o felici, o dopo una litigata, o mentre litighiamo… sai quando le cose ti escono di bocca… questa mai»
Alex: «Perché si arrabbierebbe?»
Joanna: «Non ce ne sarebbe ragione… ho rinunciato a te.»

(Massy Tadjedin, Last Night, 2010)