venerdì 19 settembre 2014

Lancôme L’Absolue Rouge Le Rose Mitiche

lancome absolue rouge rose lancome

Come nelle migliori tradizioni da queste parti si parla di make up e nello specifico oggi si parla del re del make up, per quanto mi riguarda, ovvero il rossetto. Ma questo è un rossetto speciale perché è un rossetto che sa di rosa. Come potrei non amare il connubio tra un rossetto ed una rosa? Ma dietro L’Absolue Rouge di Lancôme c’è anche altro…

giovedì 18 settembre 2014

Cose a caso

Marie Courroy pour L'Officiel Photographie: Thierry Lebraly

Ecco là direbbe Lenzuolo. Sono tornata.
Non che fossi mai andata via, semplicemente le cose mi odiavano: prima il mio pc è morto, poi non riuscivo ad installare l’editor di testo ed infine… oddio non so, qualcos’altro mi è successo che ora mi sfugge. Ma ritorno carica e propositiva. Anzi no, sono devastata, ma conto di ritrovare tutte le mie energie dopandomi con gli integratori di Equilibra. Detto ciò, visto che post seri ne avrei da fare ma non volevo iniziare  ex abrupto, opto per dirvi cose a caso. Tipo che finalmente ho comprato il dominio del blog. Ebbene sì, adesso da queste parti ci chiamiamo www.diariodiunexstacanovista.com, che non è meno corto ma è già un inizio!

lunedì 25 agosto 2014

Se fossi una pornostar

moana pozzi

Ultimamente mi è capitato di incappare in alcuni videoclip musicali che mi hanno lasciata vagamente perplessa. Il mio primo pensiero è stato “per fortuna almeno MTV non manda più i video musicali altrimenti avremo una generazione d ragazze perdute”. Il secondo pensiero è stato “cazzo, se fossi una pornostar sarei davvero incazzata!”. Sì, perché pare che se non fai un video in cui non cerchi di riprodurti con tutto ciò che ti passa sottomano, compresi oggetti inanimati, non sei nessuno.

martedì 12 agosto 2014

Citazione del giorno: siamo noi i veri paesi, non le frontiere tracciate sulle mappe

il paziente inglese

«Amore mio, ti sto aspettando. Quanto è lungo un giorno al buio, o una settimana. Il fuoco è spento ormai e io sento un freddo orribile. Forse dovrei trascinarmi fuori ma poi ci sarebbe il sole. Ho paura che sto sprecando la luce per i dipinti e per scrivere queste parole. Moriamo. Moriamo. Moriamo ricchi di amanti e di tribù, di gusti che abbiamo inghiottito, di corpi che abbiamo penetrato risalendoli come fiumi, di paure in cui ci siamo nascosti come in questa caverna stregata. Voglio che tutto ciò resti inciso sul mio corpo. Siamo noi i veri paesi, non le frontiere tracciate sulle mappe con i nomi di uomini potenti. Lo so che tornerai e mi porterai fuori di qui nel palazzo dei venti. Non ho mai voluto altro che camminare in un luogo simile con te, con gli amici. Una terra senza mappe. La lampada si è spenta e sto scrivendo nell'oscurità»

(Il paziente inglese, regia di Anthony Minghella, 1996)

sabato 2 agosto 2014

Il fascino indiscreto di Bibigì

anna karenina chanel jewelry

«Scese, evitando di guardarla a lungo, come si fa col sole, ma vedeva lei, come si vede il sole, anche senza guardare».
(Anna Karenina, Lev Tolstoj)

Anna Karenina, una donna unica, forte, determinata nelle sue scelte di vita eppure fragile, travolta da una passione cieca e impietosa: Anna Karenina è un essere umano con le sue terribili contraddizioni, una donna come tante (o forse poche) che seduce involontariamente il conte Vronsky con la sua potenza e la sua debolezza. Indimenticabile è per me il magistrale ritratto di questo personaggio realizzato da Joe Wright che resterà imperituro nella mia memoria. Non cancellerò mai l’immagine di una meravigliosa Anna Karenina che si guarda allo specchio e vede davanti a sé la sua tragica fine ma nonostante ciò l’accetta e va avanti.
Il meraviglioso ed espressivo volto di Keira Knightley è solo una parte della magia realizzata da Joe Wright, che ricrea l’atmosfera della nobiltà russa con un minuzioso gioco di magniloquenti scenari e minuziosi dettagli: scenografie, abiti ed accessori rendono il quadro perfetto e brillante come i gioielli che vestono la ricca e miserabile moglie di Karenin.

mercoledì 30 luglio 2014

Manuale del galantuomo

breakfast at tiffany'sColazione da Tiffany (1961)

Anno del Signore 2014. La galanteria è morta.
Per essere meno tragica forse si può dire che non è del tutto morta ma è prepotentemente in estinzione. Uomini, cosa vi è successo? Adesso non tirate fuori la scusa “avete voluto la parità dei sessi? Adesso vi prendete le conseguenze” perché parità dei sessi significa equità di diritti e doveri e non abbandono dei buoni costumi (sono certa che ben pochi di voi trovano attraente una donna che si comporta come Barney dei Simpson!). Nonostante quello che pensate e quello che sostiene qualche donna (un’infima minoranza ancora poco consapevole) l’uomo galante è infinitamente seducente: se fino ai 16 anni tutte sbavano dietro lo spaccone di turno, un po’ rude e maledetto, passati i 25 i suddetti soggetti vengono catalogati come “IRRECUPERABILI” e il radar femminile si orienta su orizzonti ben diversi, orizzonti galanti.

venerdì 25 luglio 2014

Review Jean Louis David Beach Spray Urban Style

jean louis david beach spray sun therapyMi è capitato davvero raramente di disperarmi per la fine di un prodotto cosmetico: anche prodotti che mi hanno fatto battere il cuore una volta terminati non mi hanno fatto esclamare “come farò senza di te?!”. Il più delle volte un amore cosmetico è proprio uguale ad un flirt: grande passione finché dura ma una volta finito cade nel dimenticatoio. Non posso dire lo stesso della mia liaison con il Beach Spray Urban Style di Jean Louis David che, ora che è finito, ha lasciato un vuoto incolmabile nel mio cuore (e dei capelli molto molto affranti).

giovedì 24 luglio 2014

Just summer

sand on skinTumblr

Ecco là!
Più di un mese dal mio ultimo post. E, nonostante il mio unico desiderio sia essere stesa sulla sabbia a decompormi, non sono mancata per via delle vacanze ma solo perché non ho avuto tempo per stalkerare gli iscritti a questo spazio con le mie solite facezie: anche se sembravo in vacanza, ahimé, non lo ero proprio!

Ho studiato (molto), ho lavorato (moltissimo) e mi sono divertita con amiche e amici come non facevo da anni. Quindi, sebbene luglio sembri novembre e sebbene intorno a me gravitino distruzione ed entropia, sono molto felice di questa estate 2014 perché sto trascorrendo dei momenti bellissimi con le persone che amo, che ho sempre amato e che sto iniziando ad amare.

Spero solo che l’estate non finisca mai!

laughing

domenica 22 giugno 2014

Citazione del giorno: due grandi amori

come eravamoCome eravamo di Sidney Pollack, 1973

«Dicono che durante la nostra vita abbiamo due grandi amori. Uno con il quale ti sposerai o vivrai per sempre, può essere il padre o la madre dei tuoi figli: con questa persona otterrai la massima comprensione per stare il resto della tua vita insieme.
 E dicono che c’è un secondo grande amore, una persona che perderai per sempre. Qualcuno con cui sei nato collegato, così collegato, che le forze della chimica scappano dalla ragione e ti impediranno sempre di raggiungere un finale felice. Fino a che un giorno smetterai di provarci, ti arrenderai e cercherai un’altra persona che finirai per incontrare. Però ti assicuro che non passerà una sola notte senza aver bisogno di un altro suo bacio, o anche di discutere una volta in più. Tutti sanno di chi sto parlando, perché mentre stai leggendo queste righe, il suo nome ti è venuto in mente. Ti libererai di lui o di lei e smetterai di soffrire, finirai per incontrare la pace, però ti assicuro che non passerà un giorno in cui non desidererai che sia qui per disturbarti. Perché a volte si libera più energia discutendo con chi ami, che facendo l’amore con qualcuno che apprezzi»

(Paulo Coelho, El Zahir)

P.S.: Grazie a Claudia di Piccolo Spazio Vitale per avermela fatta scoprire.