lunedì 25 luglio 2016

LIFESTYLE | Adesivi murali: gli affreschi degli anni 2000

13835774_10210139843755007_1855646500_o

Mi fanno un po’ sorridere quelli che pensano che gli adesivi murali siano una grande novità. Si può dire che siano un elemento decorativo di tendenza, ma certamente non si può affermare che siano innovativi: le decorazioni parietali esistono da che esistono le pareti!!

giovedì 14 luglio 2016

CITAZIONI | Ci vediamo a Montauk…

ci vediamo a montauk

Clementine: «Allora vattene!»
Joel: «Me ne andai… pensai che forse eri matta, ma eri eccitante»
Clementine: «Avrei voluto che fossi rimasto!»
Joel: «Ed io avrei voluto farlo, ora avrei voluto essere rimasto, vorrei aver fatto molte cose, vorrei…. Vorrei essere rimasto, davvero…»
Clementine: «Tornai subito di sotto ma non c’eri…»
Joel: «Ero uscito, me n’ero andato via»
Clementine: «Perché??»
Joel: «Non lo so! Ero come un bambino spaventato… era una cosa più grande di me, non lo so…»
Clementine: «Avevi paura?»
Joel: «Sì… pensavo che lo avessi capito. Tornai di corsa al falò cercando di sfuggire alla mia umiliazione, credo»
Clementine: «Fu per qualcosa che avevo detto?»
Joel: «Sì… Avevi detto “e allora vattene”, con un tale disprezzo che…»
Clementine: «Ahhn, scusa»
Joel: «Non fa niente…»

Clementine: «Joely! E se tu rimanessi stavolta?»
Joel: «Se ne sono andati via tutti, non c’è più nessun ricordo»
Clementine: «Almeno torna indietro ed inventati un addio! Facciamo finta che ci sia stato… Addio Joey»
Joel: «Ti amo»
Clementine: «Ci vediamo a Montauk…»

(Eternal sunshine of the spoltess mind, 2004)

venerdì 1 luglio 2016

PERSONALE | Il disagio di essere una donna single a trent’anni nel 2016

bridget jones

La fate facile voi, ad essere una donna single a trent’anni nel 2016. Ve lo immaginate come la bella vita alla Sex and The City con giovani aitanti e rampanti pronti a sedurvi a colpi di Martini, incrementando il vostro bagaglio di esperienze e lasciandovi un dolce e spensierato ricordo da raccontare davanti ad un calice di vino rosso con altrettante brillanti amiche trentenni e single. La fate facile voi, forse perché non siete una donna single a trent’anni nel 2016.

martedì 28 giugno 2016

BELLEZZA | Di quando il balayage ci ha rese persone migliori

blake lively balayage

Non so esattamente cosa sia successo ad un certo punto nel mondo, ma prenotare una seduta dal parrucchiere è diventato più complicato che essere ammessi ad udienza da Obama. Mentre prima in qualsiasi momento un appuntamento riuscivo ad incastrarlo, se non nel giro di ore almeno nel giro di giorni, adesso devo telefonare con almeno due settimane di anticipo se voglio assicurarmi un posto in paradiso. Questo inconveniente mi provoca non poco disagio perché se c’è una cosa che proprio non tollero è la ricrescita, che con capelli biondo platino su base cenere è decisamente evidente. In passato sarei passata da buzzicona con poco stile, ma l’evoluzione non si ferma mai e ci porta ad essere (in teoria) una specie migliore, per cui un genio un giorno ha detto “sai che c’è? Che adesso la ricrescita va di moda e la chiamo pure in modo figo, tipo… balayage!”.