sabato 30 aprile 2016

PERSONALE | Perché sono single?

espiazione joe wright

Quando arrivi ai trent’anni è abbastanza frequente la domanda “perché sei single?” ed è una domanda piuttosto imbarazzante in quanto non implica alcuna scientificità nella risposta. Mi spiego meglio. Sono una donna decisamente fortunata, un po’ per nascita ed un po’ per circostanze: godo di buona salute, ho un aspetto gradevole, una buona cultura ed un grado di istruzione medio-alto; un lavoro interessante e di responsabilià; nutro diversi interessi; sono abbastanza intelligente, simpatica ed indipendente. Avrei quindi tutte le carte in regola per godere di uno status diverso dal nubilato. E così come me alcune delle donne (ma in generale delle persone) più interessanti che conosco e stimo non hanno un partner. Qual è quindi il punto di singolarità?

Non è per nulla facile rispondere alla gravosa domanda “perché sei single?”. In realtà potrebbero esserci una, nessuna, centomila risposte. Per qualcuno forse la motivazione è l’assenza di disponibilità ad accettare compromessi: la vita di coppia è un eterno compromesso, una specie di amorevole guerra fredda, in cui bisogna cedere alcuni territori per guadagnarne altri. Le coppie più felici che conosco sanno duellare con candido, agguerrito affetto e ci riescono, con estremo successo. Ma non tutti sono in grado di piegarsi al compromesso, perché vivono di assoluti, e l’assoluto, si sa, è una terrà infeconda ma confortevole.

Per altri è l’assenza di occasione (o propensione): non è facile incontrare la persona giusta, perché siamo presi dalla vita, dalle cose da fare, dal tempo da dedicare a chi c’è già. Togliendo tutto quello che si deve fare, ci resta poco tempo e preferiamo dedicarlo ai porti sicuri, piuttosto che imbarcarci in faticose attraversate. Ci siamo un po’ impigriti forse o abbiamo perso la passione, il coraggio, la follia. Non abbiamo letto abbastanza romanzi ottocenteschi quando eravamo adolescenti, perché solo il Romanticismo ti forgia il carattere a quindici anni!

Capita anche molto sfortunatamente di non incontrare mai la persona giusta o, peggio, capita di incontrarla ma lei non incontra te. Due rotaie che scorrono parallele e per un solo istante si incrociano, per poi proseguire ognuna per la sua strada.

Qualcuno è distratto e non si accorge dell’amore: troppo intento a scrutare il particolare, si perde la visione globale. Come guardando un quadro impressionista: questo o quel dettaglio non convincono, ma facendo un passo indietro si potrebbe vedere un dipinto meraviglioso. E invece sezionando la realtà in piccoli segmenti si perde la magia della continuità.

«Troppo cerebrale per capire che si può star bene senza

calpestare il cuore

ci si passa sopra almeno due o tre volte i piedi

come sulle aiuole»
(Samuele Bersani,
Giudizi universali)

Probabilmente non esiste una risposta alla domanda “perché sei single?”. Forse è una domanda retorica come “perché esistiamo?” o “da dove veniamo?”.

Certe cose semplicemente stanno così (oltre c’è solo entropia), quindi ponete questa domanda con estrema cautela!

19 commenti:

  1. Lo chiedono anche a me come mai sia single. Capita, ti ci ritrovi. Però col tempo si alzano troppo le aspettative e le pretese e questo non è un bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le pretese si alzano perché prendiamo consapevolezza del nostro valore ed io penso che sia solo un bene!

      Elimina
  2. A me fanno due domande diverse, ma altrettanto fastidiose, banali, indiscrete e ripetitive.
    Quando ti sposi?
    Quanto lo fai un figlio?

    E' un continuo, nell'ultimo anno ancora di più. E che palle. Si può dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, io non ne posso più di chi mi vuole convincere a figliare. che palle lo dico pure io, posso non volere figli? posso??

      Elimina
    2. Penso che queste domande siano davvero indiscrete ed invadenti.

      Elimina
  3. ...beh, io ho trentuno anni, sposata da quattro, ti lascio immaginare quale sia la domanda più frequente che io e Brivido ci sentiamo proporre...
    COME MAI ANCORA NIENTE FIGLI?
    ogni età, in relazione alla sua condizione sociale, ha la sua domanda scottante, che ci possiamo fare?
    cercare di non perirne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fossimo meno intelligenti risponderemmo con domande altrettanto impertinenti. Per fortuna non lo siamo!

      Elimina
  4. Figurati a 45......Fede

    RispondiElimina
  5. Non pongo mai questa domanda come tutte quelle come "ma quando ti sposi?" o "quando fai un figlio?". Ci sono delle domande troppo personali come tu hai scritto nel titolo del post. E anche con le amiche più care e intime bisogna toccare certi argomenti con calma e attenzione e non come se fossero delle tappe obbligate della vita come invece sembra quando si parla con i parenti

    RispondiElimina
  6. Mi ritrovo molto in questa situazione. Ho quasi vent'anni e guardandomi intorno sembro essere l'unica single e forse lo resterò per un po'. Credo di non essere pronta per "dipendere" da qualcun altro, io che sono un tipo indipendente e, lo ammetto, anche un po' egoista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A vent'anni hai ancora tutto davanti, non devi proprio preoccuparti;-)

      Elimina
  7. Io mi ritrovo single da oggi, a 32 anni, dopo 11 anni di storia e quasi 4 di convivenza( partita da lui) con un lavoro part time! Sono distrutta

    RispondiElimina
  8. In questo momento è durissima, mi sembra di vivere in un incubo e mi stanno venendo mille angosce. Io ho solo la mia meravigliosa mamma su cui contare e ho il terrore di perderla adesso che ho solo lei. So che sono irrazionale ma sto troppo male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerca di non farti vincere dall'angoscia, la tua mamma ci sarà sempre, è una grande forza!

      Elimina
  9. Io mi ritrovo single, ma con un patto d'amore siglato allo scadere dei trentadue anni, ancora due anni di pazienza e dopo..sagra!😄
    A parte questo, non riesco proprio a capire perché sono ancora scoppiato senza essere mai esploso, e più me lo chiedo più mi confondo e rischio di accendere la miccia, quindi mi prendo la mia bella malinconia e me la godo, finché non diventa sconforto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che c'è questo patto... E forse quando esploderai, rinascerai ;-)

      Elimina
  10. Io mi ritrovo single, ma con un patto d'amore siglato allo scadere dei trentadue anni, ancora due anni di pazienza e dopo..sagra!😄
    A parte questo, non riesco proprio a capire perché sono ancora scoppiato senza essere mai esploso, e più me lo chiedo più mi confondo e rischio di accendere la miccia, quindi mi prendo la mia bella malinconia e me la godo, finché non diventa sconforto.

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!