venerdì 1 luglio 2016

PERSONALE | Il disagio di essere una donna single a trent’anni nel 2016

bridget jones

La fate facile voi, ad essere una donna single a trent’anni nel 2016. Ve lo immaginate come la bella vita alla Sex and The City con giovani aitanti e rampanti pronti a sedurvi a colpi di Martini, incrementando il vostro bagaglio di esperienze e lasciandovi un dolce e spensierato ricordo da raccontare davanti ad un calice di vino rosso con altrettante brillanti amiche trentenni e single. La fate facile voi, forse perché non siete una donna single a trent’anni nel 2016.

Essere una donna single a trent’anni nel 2016 significa andare incontro ad una serie di appuntamenti catastrofici di cui non si sa bene se piangere o ridere. Potrei raccontarvi di quello che mi ha proposto di bere una cosa e nel tragitto tra il mio tavolo ed il bancone si è dimenticato di me, fermandosi a parlare con tutte le persone che lo incrociavano, lasciandomi sola in mezzo al locale. Oppure potrei raccontarvi di quella volta in cui ho raggiunto il lui del momento che faceva il turno di notte nell’autorimessa per fargli compagnia, poi è scesa una tempesta tropicale che ha allagato i duecento metri quadri del garage; povero, mica lo lascerai solo ad asciugare tutto… E allora via di mocio alle tre di notte! Salvo poi sapere che due settimane dopo stava con un’altra. Potrei raccontarvi di quello che da dieci anni ti ama dicendo che sei la donna più bella, intelligente, brillante ed affascinante della sua vita, ma che, sempre dopo quei dieci anni, ancora non si sente pronto a qualcosa di più serio. Potrei raccontarvi di quello che prende informazioni su di te agli amici comuni e poi ti chiede finalmente di uscire, passate una bella serata, rispettosamente non ci prova neanche la prima volta, flirtate a distanza per un’intera settimana e poi sparisce nel nulla, senza un briciolo di spiegazione, lasciandoti nel dubbio esistenziale del “cos’ho sbagliato stavolta?”. Che per fortuna hai le amiche che ti dicono quanto sei fantasmagorica e speciale, ma comunque un dubbio ti viene, cazzo, perché sarai anche davvero così fantasmagorica e speciale, ma la statistica è decisamente contro di te!

La fate facile voi, che non siete una donna single a trent’anni nel 2016 e non sapete cos’è il disagio.

Spesso il male di vivere ho incontrato:

è essere una donna single a trent’anni nel 2016!

PS: e no, non credete a quella gran culo di Bridget Jones, Mark Darcy non esiste!!

satc i m not drunk

11 commenti:

  1. Quella del mocio vince!
    Boh secondo me quando arriva arriva, per carità io dovrei stare zitta perché non ricordo quando sono stata single.. però guardando bene qualcuno interessante là fuori c'è è che ho come l'impressione che tra social, fb ecc si fa sempre più fatica ad incontrare le persone "per caso"....
    Comunque ok sta storia dei 30 anni ma siamo ancora giovaniiii, qui non c'è fretta ;)!!!

    Un bacione,
    Erika

    RispondiElimina
  2. solo due anni in più... ma stessa identica situazione!!! ;) aggiungo anche il tizio che ti stressa per uscire, ti manda millemila messaggi su messenger (e sì che ti ha dato anche il suo numero di telefono, ma col cavolo che lo segni sul cellulare), ti ricorda di continuo che avete appuntamento... prendete l'aperitivo... e poi... non fa nemmeno finta di offrirlo (4 euro di aperitivo!)!! Ok, io sono contraria a queste cose (al farmi offrire cose), ma almeno la mossa... per le mie amiche è imprescindibile che un uomo offra tutto, la prima sera che si esce... bah...
    E, comunque, a Bridget Jones non ci credo più nemmeno io!! ;)

    RispondiElimina
  3. Great post indeed!

    http://www.be-sparkling.com/

    RispondiElimina
  4. Prima o poi incrocerai quello sguardo, nel quale il tuo cuore si impiglierà.
    "Non è mai troppo tardi per essere quello che vuoi essere "

    RispondiElimina
  5. "La bellezza colpisce l'occhio,ma il merito conquista il cuore" Alexander Pope

    RispondiElimina
  6. C'è anche l'"uomo" che, in ritardo al primo appuntamento, esordisce così "ho fatto tardi perché ero rimasto addormentato, fortuna che è venuta la mia mamma a svegliarmi nella mia cameretta".
    Ho vinto io?

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!